La Borsa di Milano

Cos’è una Borsa valori?

La Borsa valori è un luogo, oramai tecnologicamente avanzato ed in grado di virtualizzarsi all’estremo, in cui avvengono scambi di valuta estera e di beni mobili. Una Borsa valori è strettamente regolamentata onde evitare che, attraverso scambi fraudolenti o troppo aggressivi, alcune società possano finire per danneggiare l’intero mercato azionario.

Una Borsa valori non è poi legata in maniera troppo stretta alle strutture statali: esistono autorità di controllo che però assicurano comunque una forte indipendenza alle società che gestiscono il mercato finanziario.

Dove nasce la Borsa?

Gli storici pongono le basi del mercato finanziario nell’antica Grecia. Pare infatti che nei luoghi pubblici dove si svolgevano scambi commerciali esistessero anche una sorta di agenti valutari addetti al cambio di valuta con commissione.

Il moderno concetto di Borsa nasce invece nell’Europa del nord durante il quindicesimo secolo. In particolare la Borsa valori deve il suo nome ad una antica famiglia veneziana trasferitasi nelle Fiandre. A Bruges infatti, presso i Van der Burse (originariamente Della Borsa), si stabilivano i prezzi delle varie merci.

Dove ha sede la Borsa di Milano?

Originariamente la sede della Borsa milanese era presso il Palazzo del Monte di Pietà. Immediatamente però venne spostata, per motivi di spazio, nel Palazzo dei Giureconsulti in Piazza Mercanti. Nel 1901 si trasferì in un palazzo appositamente costruito, Palazzo Broggi in Piazza Cordusio ora sede postale.

Nel 1932 infine venne trovata l’attuale soluzione in Piazza Affari costruendo Palazzo Mezzanotte. Curiosamente il più importante teatro economico italiano sorge proprio sulle rovine di un antico teatro romano.

La Borsa di Milano: unica in Italia?

Senza dubbio la più famosa è anche attualmente l’unica Borsa valori presente sul territorio italiano. Non è però sempre stato così. Negli stati preunitari esistevano già Borse valori a Venezia (già dal 1630), a Trieste (1775) ed a Roma (1802).

In seguito, nel 1998, con la privatizzazione del mercato borsistico, le altre Borse italiane che avevano un’importanza appena regionale e che avevano sedi a Roma, Venezia, Trieste, Palermo, Napoli, Torino, Genova, Firenze e Bologna sono state accorpate a Milano.

Quando nasce la Borsa di Milano?

Le date più importanti della Borsa di Milano:

  • 1808. Nella Milano napoleonica nasce la Borsa valori che avrà poco dopo la propria sede in quella dell’attuale Camera di Commercio.
  • 1858. La prima società privata è quotata alla Borsa di Milano. Si tratta della LVCI che si occupa delle ferrovie del Regno Lombardo-Veneto.
  • 1932. La Borsa si trasferisce in Piazza Affari in quella che è attualmente la sua sede a Palazzo Mezzanotte.
  • 1974. Prende vita la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa detta anche CONSOB.
  • 1997. Nasce Borsa Italiana S.p.A. società privata che organizza e gestisce tutto il mercato italiano.
  • 2007 Borsa Italiana S.p.A si fonde con London Stock Exchange ovvero con la Borsa di Londra.

Com’è la Borsa di Milano oggi?

Negli ultimi anni anche Milano ha seguito la scia delle principali Borse mondiali diventando una delle più attive nell’informatizzazione delle proprie operazioni.

Oggi è possibile seguire secondo dopo secondo gli andamenti della Borsa Milano in tempo reale. Operazione che fino a pochi anni fa, quando le contrattazioni avvenivano tramite gesti ed urla, era del tutto impensabile.

Qual è l’indice della Borsa di Milano?

L’indice Borsa Milano più importante è senza dubbio FTSE MIB che domina le contrattazioni di Piazza Affari e che può essere seguito in tutti i suoi andamenti tramite gli appositi portali della Borsa valori che permettono di seguire la Borsa Milano in tempo reale.

Come funziona una Borsa?

Le Borse valori nascono con l’intento di scambiare sia valuta estera sia titoli. E' inoltre possibile scambiare anche sulla quotazione bitcoin. Ovviamente, a differenza di un ben più comune mercato, non si tratta di un luogo fisicamente accessibile a chiunque. Esistono infatti delle figure altamente professionalizzate che si occupano degli scambi. I broker sono quindi addetti a vendere ed acquistare titoli e valute estere su commissione rispettando in maniera rigorosa le leggi della domanda e dell’offerta. Un broker professionista utilizza denaro affidatogli dagli investitori e per questo deve sottostare ad una regolamentazione.

Perché giocare in Borsa?

Il termine “gioco” per quel che riguarda l’investimento di denaro da utilizzare nei mercati finanziari è piuttosto improprio. Nulla vieta investimenti casuali senza nulla conoscere dei titoli a cui si affidano le proprie fortune, bisogna però dire che generalmente “giocare” in Borsa con lo scopo di ottenere dei profitti implica una certa consapevolezza nell’investitore che vuole evitare di andare completamente allo sbaraglio. Sicuramente un investitore avveduto giocherà in Borsa sia per conoscere un certo brivido ludico però prima di tutto per guadagnare.

Come si investe in Borsa?

La Borsa intesa come luogo fisico, con le tecnologie attuali, è diventata quasi esclusivamente un luogo poco frequentato anche dai traders professionisti. Attraverso internet è possibile investire senza alcun problema di ubicazione e con estrema immediatezza. Ovviamente trattandosi di operazioni che riguardano somme di denaro anche importanti, l’investitore può pensare che sia una questione esclusivamente bancaria. La realtà oggi però è diversa.

La Borsa è solo per ricchi?

I più potrebbero pensare di sì. In realtà però negli ultimi anni le cose sono cambiate. Il trading online ha preso sempre più piede ed ora, grazie allo sviluppo di svariate piattaforme online create da molti broker regolamentati, chiunque può investire somme anche minime in Borsa.

Come funziona il trading online?

Il trading online è un sistema che permette a chiunque di beneficiare dei possibili profitti da investimento in Borsa utilizzando dei prodotti derivati. In pratica si tratta di un agire indirettamente in Borsa con il non indifferente beneficio di essere esenti da congrue commissioni e problematiche burocratiche.

Il broker investe delle somme a seconda del volere dell’utente che può in alcuni casi beneficiare, se l’investimento è azzeccato, anche della leva finanziaria, moltiplicando così i propri profitti.

A chi rivolgersi per operare nel trading online?

Esistono un gran numero di broker online che promettono guadagni sicuri e faraonici. In realtà un vero broker può fare molto per l’investitore tranne assicurare profitti. I broker autorizzati ad operare sui mercati sono quelli regolamentati e riconosciuti da appositi enti nazionali che ne garantiscono la serietà ed il rispetto delle regole.

L’ente italiano è la Consob che riconosce però anche enti dei singoli stati UE. Buona parte dei broker è regolamentata CySEC ovvero riconosciuta dall’ente cipriota quindi regolarmente operante anche in Italia. Un broker particolarmente valido è Avatrade.

Cosa offre Avatrade?

Avatrade permette all’investitore di sperimentare molteplici valide opzioni:

  • Forex, ovvero Foreign Exchange. Decine di coppie di valute su cui è possibile investire.
  • Commodities cioè tutto quello che può essere identificato come materia prima, oro in primis senza trascurare però petrolio e gas.
  • Indices. Gli indici di Borsa dai più noti nordamericani a quelli europei ed asiatici senza ovviamente tralasciare quello italiano ovvero ftse mib.
  • Stocks. Le più importanti società quotate nei mercati finanziari statunitensi ed europei.
  • ETF ovvero Exchange Traded Fund. Fondi di investimento comune trattati in maniera simile a quello di un indice.
  • Investire nel denaro del futuro: il Bitcoin.
  • Bond sia europei che americani.
  • Calendario economico in tempo reale
  • Contratti per Differenza, ovvero i famigerati, ma vantaggiosi, cdf's
  • Avvaliti dei preziosi consigli degli esperti di fama mondiale con l' expert advisor mt4

Perché usare Avatrade?

A differenza di altri broker, Avatrade ha un sito particolarmente ricco di informazioni. Oltre ovviamente ad illustrare i vari vantaggi che possono offrire i vari prodotti finanziari Avatrade si prende cura dell’investitore mettendogli a disposizione diversi strumenti per la formazione, dai tutorial video passando per webinar forex ed arrivando fino a veri e propri ebook.

Da non sottovalutare anche approfondimenti sull’attualità che influisce sul mondo economico, particolare da tenere sempre in considerazione.