Grafico FTSE MIB

Che cos’è l’FTSE MIB?

Il FTSE MIB è il più importante indice della Borsa di Milano.

L’indice nasce dalla fusione della Borsa Italiana con quella di Londra, in questo modo al vecchio indice MIB, ovvero Milano Indice di Borsa, si aggiunge FTSE che significa Financial Times Stock Exchange. Con la fusione avvenuta nel 2008, FTSE MIB gestisce circa l’80% degli scambi della Borsa italiana.

Il paniere del FTSE MIB comprende le 40 maggiori società italiane per capitalizzazione che sono quotate nel MTA ovvero il mercato telematico azionario. Le principali società italiane dunque, anche con sede estera, si possono trovare nel FTSE MIB.

Facile è individuare fra le prime società in ordine di capitalizzazione alcune delle più importanti realtà dell’economia italiana.

Ecco un agile elenco delle prime 10:

  • Eni S.p.A.    56,2 miliardi di euro
  • Enel S.p.A. 42,6 miliardi di euro
  • Intesa Sanpaolo S.p.A.  38,5 miliardi di euro
  • Luxottica S.p.A. 24,7 miliardi di euro
  • Generali S.p.A. 22 miliardi di euro
  • Tenaris S.A. 20 miliardi di euro
  • Atlantia S.p.A. 18,4 miliardi di euro
  • UniCredit S.p.A. 16,9 miliardi di euro
  • Snam S.p.A. 13,7 miliardi di euro
  • Telecom Italia S.p.A. 12,7 miliardi di euro

Dati FTSE MIB

Investire nell’indice FTSE MIB può attrarre alcuni investitori che cercano dei profitti piuttosto limitati e presumibilmente a lungo termine. Per loro ecco alcune informazioni sul più noto indice di Borsa italiano.

  • Codice Isin: IT0003465736
  • Minimo anno: 18590.73
  • Massimo anno: 21787.9
  • Variazione inizio anno: 8.87
  • Broker: Avatrade

L’andamento dell’indice FTSE MIB corrisponde sostanzialmente all’andamento di molte economie mondiali. Periodi di crisi economica, di tensioni politiche, di incertezze nel mondo della finanza sono pienamente visibili analizzando un grafico di FTSE MIB.

Generalmente gli accadimenti che lo influenzano sono di rilievo mondiale come ad esempio le questioni legate all’economia dell’Unione Europea, altre volte invece anche fatti nazionali possono influire sul trend del FTSE MIB come avvenuto dopo l’esclusione di MPS dal proprio paniere.

Investire negli Indici di Borsa?

Investire negli Indici di Borsa significa sostanzialmente prevedere le sorti di un’economia nazionale. Certo, possono esserci momenti in cui il principale indice italiano risente di eventi lievi e poco significativi, in breve tempo però torna nel suo alveo legato alle influenze delle economie globali. Osservando il grafico FTSE MIB, unito a quello che era il vecchio MIB, si possono riassumere facilmente i periodi di crisi degli ultimi anni.

Partendo dalla grave crisi economica, in particolare italiana, del 1992 si vedono gli scambi andare sotto quota 10000 per poi risalire lungo tutti gli anni novanta fino a superare la vetta dei 40000 all’inizio del nuovo millennio. Una volta recuperatosi dalla caduta del 2001 e raggiunti di nuovo i 40000 crolla di nuovo nel 2008 a livelli che rispecchiano l’esplosione della crisi economica mondiale. Attualmente, nonostante alcuni segnali di ripresa, non si può fare a meno di notare una sostanziale stagnazione.

Perché investire negli Indici di Borsa?

Investire in un Indice di Borsa ha senso se si cercano dei profitti moderati e con un investimento a medio o lungo termine. Investire negli Indici è molto simile all’investimento in titoli azionari, la differenza sta nella mitigazione delle possibili perdite e dei possibili profitti. Negli Indici sono assai più rari e comunque meno sensibili gli improvvisi ed importanti rialzi così come le rapide cadute.

Investire quindi negli Indici è adatto a chi cerca un investimento in Borsa un poco più quieto e vuole evitare di vedere il proprio asset viaggiare spesso su veloci montagne russe.

Come investire negli Indici?

Il modo migliore per guadagnare dagli indici è sicuramente fare trading online. Il trading online è una pratica piuttosto recente che permette, in maniera semplice e veloce, di investire su una vasta gamma di mercati. L’uso dei CFD consente poi di ricavare guadagni anche piuttosto importanti nel caso si intenda usare la leva finanziaria.

Per fare trading online ed investire negli Indici occorre rivolgersi ad un broker online.

I broker online sono gli intermediari migliori per sfruttare tutte le opportunità di guadagno offerte dalla Borsa.

Fondamentale però è utilizzare broker che garantiscono la massima regolarità delle operazioni svolte ed un livello di sicurezza che evita al cliente preoccupazioni circa i propri soldi.

Conoscere Avatrade

Avatrade è uno dei migliori broker online che puoi trovare.

Si tratta di un broker noto per la sua particolare completezza. Con Avatrade infatti hai l’opportunità di trovare ogni strumento necessario per il tuo guadagno. Con Avatrade non hai bisogno di cercare altrove informazioni riguardo tutto ciò che concerne il trading online, non ti serve cercare altre improbabili piattaforme per fare il miglior trading e non hai neppure la necessità di rivolgerti ad altri per investire su asset non molto diffusi.

Per iniziare con Avatrade poi ti bastano appena 100 euro, un computer, un tablet od uno smartphone, una connessione internet e molta voglia di guadagnare.

Chiaramente con il trading online il guadagno non ti è assicurato. Diffida sempre da chi ti garantisce rendite faraoniche e prendi in considerazione solo chi ti parla del trading online come un’opportunità di guadagno e non una indiscutibile certezza.

Con Avatrade però hai davvero molti strumenti utili. A differenza di altri broker ti mette a disposizione più di una piattaforma. La MT4, adatta sia ai principianti che ai trader più esperti può lasciare il posto ad AvaTradeAct che ti si rende estremamente personalizzabile con lo scopo di velocizzarti tutte le ricerche di notizie e le informazioni sui tuoi asset preferiti. Importante inoltre è l’uso di AvaOption, la piattaforma ottimizzata per investire con le Opzioni.

Se sei un principiante considera anche l’uso del trading automatico utilizzando gli strumenti di Avatrade che ti permettono di copiare gli investimenti di trader molto esperti.

Ovviamente Avatrade ti tiene in contatto con i soldi che hai investito facendo in modo che tu possa controllare le tue posizioni aperte anche da mobile. Avatrade ha dunque creato app per ogni genere di smartphone.

Con Avatrade è facile trovare l’asset più adatto a te. I mercati sui quali puoi guadagnare sono infatti molti. Puoi facilmente investire sul Forex, sui titoli azionari, sul treasury, ovviamente sugli indici, sui prodotti agricoli e sugli ETF, sulle criptovalute come Bitcoin e Litecoin, sull’oro ed altri metalli oltre che su petrolio e gas.

Molto importante per Avatrade è la formazione. Avatrade non cerca clienti fugaci e subito delusi e tiene molto ad informare il più possibile l’investitore sulle diverse opportunità di guadagno e di gestione dei propri investimenti. Quindi hai molte possibilità per poterti formare al meglio.

Utili sono i video tutorial che ti illustrano come muovere i tuoi primi passi nel trading online. Semplici le tabelle riassuntive che permettono di conoscere le varie terminologie e strumenti che puoi usare con Avatrade. Esistono però anche ebook, webinar ed eventi dal vivo che ti permettono di approfondire le tue conoscenze in fatto di trading e di scambiare anche opinioni con trader esperti del settore.

A queste molte modalità, di recente Avatrade ha aggiunto Sharp Trader, un vero e proprio portale completamente dedicato alla formazione.

Se sei un neofita e ti stai avvicinando solo ora a questo interessante strumento per il guadagno è comprensibile che tu possa sentirti timoroso. Anche in questo caso Avatrade cerca di metterti a tuo agio tramite il conto demo. Con il conto demo non rischi perdite e neppure guadagni. Il conto demo replica fedelmente il conto reale con l’unica differenza riguardante i soldi. Con il conto demo infatti i soldi sono virtuali.