Risk Management Strategies

Risk Management Strategies

Risk Management Strategies

Il rischio è ovunque! Le nostre azioni per migliorare il nostro futuro potrebbero non funzionare, o addirittura andare contro di noi. Tuttavia, fintanto che siamo pronti a gestire i momenti bassi, la nostra determinazione e pazienza ci portano verso l’alto.

Questa filosofia si applica anche alla finanza. Che tu sia un day trader o un investitore a lungo termine, l’utilizzo del capitale per realizzare un potenziale di profitto è accompagnato dal rischio di perdita. Ecco perché, al fine di proteggere i nostri investimenti e prevenire perdite finanziarie, utilizziamo varie tecniche, strumenti e strategie di gestione del rischio.

Tradare potrebbe essere rischioso,ma AvaTrade è l’unico broker in Italia ad offrire una soluzione per azzerare il rischio – AvaProtect –

Cos’è il Risk Management in termini finanziari?

Nell’industria finanziaria con Risk Management ci si riferisce ai processi di identificazione, valutazione e mitigazione dei rischi di perdite in un investimento. Il rischio di perdita insorge quando il mercato si muove verso una direzione opposta alle nostre aspettative.

I trend sono determinati dai sentimenti di rischio degli investitori, che possono essere influenzati da molteplici fattori. Questi sono in primis eventi politici come le elezioni, eventi economici come la decisione dei tassi di interesse o eventi di commercio come le nuove tecnologie. 

L’importanza del Risk Management per i Traders

Applichiamo la gestione del rischio per ridurre al minimo le perdite qualora la marea del mercato si rivolgesse contro di noi dopo un evento. Sebbene la tentazione di sfruttare ogni opportunità sia presente per tutti i trader, dobbiamo conoscere in anticipo i rischi di un investimento per assicurarci di poter resistere se le cose dovessero guastarsi.

Tutti i trader di successo sanno e accettano che il trading è un processo complesso e che una valida strategia di gestione del rischio forex e un Trading Plan ci consentono di avere una fonte di reddito sostenibile.

Trading Plan e Risk Management

La principale differenza tra un trader di successo e uno senza successo è la qualità del suo Trading Plan Forex e della sua strategia di Risk Management Forex. La definizione di un buon Trading Plan comprende:

  • Su quali strumenti finanziari concentrarsi,
  • Quando entrare e uscire dai trade,
  • Dove fissare i propri limiti di profitto e perdita,
  • Come determinare opportunità utili o inutili,
  • Cosa fare quando i mercati girano contro di noi,
  • Come gestire le proprie emozioni in relazione al trade,
  • Che precauzioni prendere per essere sicuri di attenersi a questo Plan

Perché il Forex risk management è importante nel lungo periodo?

I mercati Forex sono allettanti perché permettono molte opportunità di trading che possono potenzialmente realizzare grandi profitti rapidamente, e di investire grandi somme in singole posizioni.

 Tuttavia, la maggior parte dei trader si rende presto conto che non si tratta di un approccio sostenibile e, dopo un paio di operazioni, una singola perdita può prosciugare il portafoglio. L’implementazione di una strategia di gestione del rischio ben progettata e dettagliata ci consentirà di rimanere proficui nel lungo periodo e di creare una fonte di reddito costante che possiamo aumentare nel tempo.

Come funziona il Risk Management?

Il rischio è la probabilità che il ritorno reale su un investimento (ROI) si discosti da quello atteso. Il discostamento avviene in seguito agli eventi che possono accadere durante un trade e varia per direzione e intensità

Un evento favorevole può portare a una deviazione positiva, rendendoci più profitti del previsto. Eventi sfavorevoli possono causare una deviazione negativa, che può significare guadagnare meno del previsto, pareggiare o incorrere in una perdita.

Ogni fattore evento che influenza il mercato influisce sul volume degli scambi in termini di frequenza della posizione, dimensione e direzione, creando una variazione nella velocità e nell’intensità delle fluttuazioni dei prezzi.

Questa è definita come volatilità. La nostra capacità finanziaria e resilienza psicologica di sostenere una alta volatilità definisce la nostra tolleranza del rischio. Maggiore è la nostra capacità di tollerare il rischio, più alto sarà il nostro ritorno potenziale.

Per poter comprendere la nostra tolleranza al rischio e creare un piano che vi si accordi, abbiamo bisogno di un Risk Management Plan. Il processo di gestione del rischio si compone di tre importanti fasi: l’identificazione, la valutazione, e la mitigazione. Puoi trovare in basso un esempio di piano di gestione del rischio.

Identificazione: come identificare i rischi finanziari?

Identificare i rischi finanziari richiede la conoscenza delle diverse variabili in gioco. Fattori economici primari come le decisioni sui tassi di interesse e le guerre commerciali di solito hanno effetto a livello di mercato in tutti i settori.

Fattori economici secondari come i rapporti economici influenzano la fiducia degli investitori e dei consumatori, e modificano le tendenze a breve e medio termine.

I fattori economici terziari come i rapporti trimestrali sugli utili informano su settori o attività finanziarie specifiche. Sebbene la portata di impatto sia limitata, possono causare movimenti massicci negli asset di destinazione.

La gamma di informazioni è ampia, ma non tutte sono rilevanti per noi. Nel nostro piano di trading dobbiamo prima identificare quali eventi economici possono influenzare i nostri asset. Quindi, dovremmo osservare le loro caratteristiche in termini di capacità di far fluttuare i prezzi, di frequenza con cui vengono resi pubblici e di fattori che possono influenzare i numeri in questi rapporti.

Stabilire a che ambito appartengono le informazioni da monitorare ci consentirebbe di eliminare il rumore e concentrarci sulle notizie rilevanti. Successivamente, dovremmo descrivere i probabili scenari per ciascun report e se porterebbero effetti positivi o negativi al nostro investimento.

Distinguere gli scenari rischiosi ci consentirà di selezionare i relativi segnali nei mercati e di prepararci agli eventuali problemi che il nostro portafoglio potrebbe incontrare.

Valutazione: come valutare il Trading Risk?

Esistono diversi metodi per valutare i vari tipi di trading risks. Le metodologie di valutazione più comuni prevedono la gestione dei rischi attivi e dei rischi passivi. I rischi attivi sono quei rischi che derivano dalla strategia di trading impiegata nel portafoglio, mentre i rischi passivi si riferiscono ai rischi derivanti dall’esposizione dell’investimento agli eventi di mercato.

Rischi attivi e Alpha

I rischi attivi possono essere considerati come l’esposizione soggettiva al rischio e rappresentano i rischi derivanti dalla nostra strategia di trading.

Alpha è il rapporto di rischio attivo che misura la performance di un asset rispetto a un titolo di riferimento in un periodo di tempo. Utilizzando zero come base, un alfa positivo indica una percentuale di rendimento più alta rispetto al titolo di riferimento, mentre un alfa negativo indica un rendimento inferiore.

Ad esempio, se calcoliamo l’alfa di 30 giorni per Facebook (NASDAQ: FB) rispetto all’ indice NASDAQ-100  e otteniamo il 3%, significa che Facebook ha avuto un ritorno sull’investimento superiore del 3% rispetto al NASDAQ-100 in quel periodo.

Rischi passivi e Beta

I rischi passivi possono essere considerati un’esposizione oggettiva al rischio e rappresentano i rischi derivanti da eventi di mercato fuori dal nostro controllo.

Beta è il rapporto di rischio passivo che misura la volatilità di un asset rispetto a un titolo di riferimento in un periodo di tempo. Usando 1 come base, un beta superiore a 1 indica che il prezzo dell’asset ha una volatilità maggiore rispetto al prezzo di riferimento, mentre un beta inferiore a 1 indica una volatilità inferiore.

Un beta più alto indicherebbe che investire in questo titolo avrebbe un potenziale di rendimento maggiore ma anche un rischio di perdita maggiore rispetto al suo titolo di riferimento. Un beta inferiore, d’altra parte, significherebbe un rischio inferiore e un minor profitto potenziale.

Ad esempio, se calcoliamo il beta per la Coca-Cola Company (NYSE: KO) contro l’indice Dow 30 (INDEXDJX: DJI) e otteniamo 1,5, il beta del titolo sarebbe dello 0,5 superiore al beta del titolo di riferimento, il che significa che i prezzi della Coca-Cola sono del 50% più volatili rispetto a Dow 30 nello stesso periodo di tempo.

Calcolare Alpha (α) e Beta (ß)

Le formule di calcolo per alfa (α) e beta (ß) sono le seguenti:

  • Alpha (α) = Rp – [Rf + ß (Rm – Rf)]
  • Beta (ß) = Covarianza (Re, Rm) / Varianza (Rm)
  1. Rp: %di rendimento del portafoglio – rendimento % del portafoglio nel periodo scelto
  2. Rm: rendimento del mercato –% di rendimento del titolo di riferimento nel periodo scelto
  3. Rf: Rendimento di un trade privo di rischi – rendimento % di un investimento a rischio minimo
  4. Re: rendimento dei mezzi propri – rendimento % delle azioni nel periodo scelto

Ad esempio, vogliamo calcolare la nostra esposizione al rischio durante il trading di azioni Microsoft nel quarto trimestre e utilizzare l’indice NASDAQ 100 come titolo di riferimento. Diciamo in questo periodo,

  • Il rendimento del portafoglio (Rp) è stato del 15%; 
  • Il rendimento dell’indice NASDAQ 100 (Rm) è stato del 10%; 
  • il rendimento della US Treasury Note (Rf) a 3 mesi è stato dell’1%;
  • il rendimento delle azioni Microsoft (Re) è stato del 12%.

con ß prima. Supponiamo che, in un dato periodo, vi sia una correlazione di prezzo dello 0,9 (90%) tra Microsoft e NASDAQ 100 e la variazione di prezzo del NASDAQ è dell’1,35%.

Calcoliamo la covarianza dell’azione e del mercato, quindi la dividiamo per il rendimento di mercato e troviamo ß = 0,67 (67%). Successivamente, usiamo ß per calcolare alfa. Inseriamo i numeri nella formula e troviamo α = 7,97%.

Interpretando i nostri valori α = 7,97% e ß = 0,67, concludiamo che in un dato periodo di tempo, Microsoft ha ottenuto risultati migliori rispetto all’indice NASDAQ 100 di riferimento, portando il 7,97% in più di rendimento corretto in base al rischio e sperimentando una volatilità inferiore del 33%.

Applicazioni pratiche di Alpha e Beta

Calcoliamo i valori alfa e beta dalle performance passate di un’attività finanziaria e di un titolo di riferimento in un periodo di tempo. Quindi, utilizziamo queste informazioni per prevedere un’esposizione al rischio attiva e passiva simile in un periodo di tempo equivalente in futuro.

Supponiamo che Apple abbia lanciato un nuovo modello di iPhone e vogliamo sapere come reagiranno le azioni Apple nei prossimi tre mesi. Analizziamo la performance a 3 mesi dopo il rilascio del prodotto precedente per stimare l’esposizione al rischio del trading di azioni Apple nei prossimi 3 mesi.

Utilizzando l’indice NASDAQ-100 come titolo di riferimento, calcoliamo i valori alfa e beta. I valori alfa e beta del periodo di 3 mesi dopo il lancio precedente ci informano sui rischi attivi e passivi nei prossimi tre mesi.

Esistono diversi modi in cui possiamo migliorare la nostra analisi del rischio alfa e beta: calcolare la media di più intervalli di tempo, stabilire un intervallo di confidenza e utilizzare più titoli di riferimento.

Intervalli di tempo multipli

L’esempio sopra utilizza solo il lancio del prodotto precedente. Per migliorare la nostra stima, possiamo utilizzare gli ultimi tre lanci. Innanzitutto, calcoliamo alfa e beta per ciascuno. Quindi, troviamo l’alfa medio e il beta medio. Tuttavia, dobbiamo considerare che ogni periodo può aver avuto condizioni di mercato diverse. Gli analisti utilizzano spesso calcoli alfa ponderati e beta ponderati assegnando pesi a ciascun periodo di tempo con un’enfasi su quello più recente.

Intervallo di Confidenza

Possiamo migliorare più intervalli di tempo calcolando la deviazione standard (SD) dei valori alfa e beta e stabilendo un intervallo di confidenza. In questo modo, possiamo suggerire con una attendibilità del 67% che il risultato sarà compreso tra una SD negativa e una SD positiva. Inoltre, possiamo anche suggerire con una attendibilità del 95% che il risultato sarà compreso tra due DS negativi e due DS positivi.

Ad esempio, se abbiamo calcolato che la media di alfa è 4% e la deviazione standard è 0,5%, possiamo prevedere con il 67% di attendibilità che il valore alfa dei prossimi tre mesi sarà compreso tra 3,5% e 4,5% e con il 95% che sarebbe essere compreso tra il 3% e il 5%.

Mitigazione: Strategie di Risk Management

Ora che sappiamo come identificare e valutare i rischi attivi che si verificano a causa della nostra strategia di trading e i rischi passivi che si verificano a causa delle condizioni di mercato, possiamo utilizzare tre approcci principali alle tecniche di mitigazione del rischio: approcci basati sul budget, diversificazione del portafoglio e strategie di copertura.

Approcci al Risk Management basati sul budget

Gli approcci basati sul budget implicano  strategie di gestione del denaro. In base alle nostre risorse,  leva finanziaria e obiettivi di trading, personalizziamo una guida alla distribuzione del capitale che delinea come utilizziamo i nostri fondi in tutti gli investimenti. Comprende regole di dimensionamento della posizione, rapporto P / L, obiettivi di prezzo e strategie di uscita dagli investimenti.

Dimensionamento della Posizione

Con dimensionamento della posizione ci si riferisce al rapporto tra la dimensione di una singola posizione e il capitale totale. I trader di successo adottano la regola dell’1%, che suggerisce che la dimensione di una posizione non dovrebbe mai superare l’1% del capitale totale. Ad esempio, se hai un capitale di $ 10.000, il margine che assegni a una posizione dovrebbe essere inferiore a $ 100. Il capitale rimanente funge da cuscinetto contro l’oscillazione di profitti e perdite (P / L) e ti protegge da una chiusura. Ogni asset ha fattori differenti di rischio e livelli di volatilità. Pertanto, adeguare di conseguenza la strategia di dimensionamento della posizione può garantire un equilibrio tra l’investimento e il rischio.

Rapporto P/L

Il rapporto P / L si riferisce alla percentuale di vincita delle posizioni chiuse. Un rapporto P / L elevato non indica necessariamente la redditività del portafoglio poiché il tuo successo dipenderà in ultima analisi dai profitti effettivi. Per capire il rapporto P / L richiesto, dovremmo stabilire un rapporto ricompensa / rischio (RRR). Ad esempio, se il nostro RRR è 3: 1, abbiamo bisogno del 25% di percentuale di vincita. Se l’RRR fosse 1: 1, avremmo bisogno di una percentuale di vincita del 50%. Esistono molti strumenti online per calcolare il rapporto P / L richiesto in base al RRR.

Gli obiettivi di prezzo

Sapere quando lasciare una posizione è importante tanto quanto sapere quando prenderla e può essere enfatizzata come una delle più importanti strategie di controllo del rischio. Mantenere aperta una posizione vincente per accumulare profitti può portare a un’inversione del mercato che cancella tutti i guadagni.

Allo stesso modo, lasciare aperta una posizione perdente, sperando in un’eventuale inversione del mercato, può spazzare via l’intero capitale. Pertanto, come strategia di gestione del rischio forex, quando apriamo una posizione, prefissiamo gli obiettivi di prezzo e impostiamo ordini di take profit stop loss  per uscire automaticamente dalla posizione quando vengono raggiunti. Esistono diversi indicatori tecnici per identificare gli obiettivi di prezzo:

  • Supporto e Resistenza (S&R) sono livelli di prezzo che l’attività in precedenza difficilmente ha oltrepassato. Un livello di supporto è inferiore al prezzo corrente, mentre un livello di resistenza è superiore. Nelle posizioni lunghe, i livelli di resistenza vengono utilizzati negli ordini take profit e i livelli di supporto negli ordini stop loss. L’uso è invertito nelle posizioni corte. Poiché ci sono svariati livelli di supporto e resistenza, scegliamo in base al nostro RRR e alla volatilità del mercato.
  • Media Mobile (MA) sono indicatori tecnici che rappresentano la media dei prezzi passati. Ad esempio, MA di 15 giorni calcola il prezzo medio degli ultimi 15 giorni. La maggior parte dei trader utilizza MA di 15, 30, 50 e 100 giorni, a seconda della propria strategia di trading, per identificare i livelli target quando il prezzo sta variando in seguito a un picco. Le linee MA vengono utilizzate solitamente quando il prezzo dell’asset si sposta un massimo o minimo infragiornaliero. Questa inversione la si piò considerare un movimento di correzione e consolidamento e la linea MA indicherebbe il prossimo prezzo obiettivo che ci si aspetta che il movimento raggiunga. Una volta raggiunto il target, potrebbe concludersi il lasso di tempo oltre la linea MA e formare una nuova tendenza in quella direzione; tuttavia, se si interrompe e ritorna, la tendenza originale potrebbe continuare.
  • Punti Cardine o Pivot Points (PP) sono la media fra il prezzo massimo, minimo e di chiusura in un periodo di tempo. Il mercato è rialzista quando il prezzo è al di sopra del cardine e ribassista quando il prezzo è al di sotto del cardine. Il PP viene utilizzato insieme a S&R. Nelle inversioni di tendenza, il passaggio oltre il PP indicherebbe un cambiamento del sentimento e un nuovo livello di S&R può essere testato.
  • Average True Range (ATR)è un indicatore della volatilità che riflette la velocità delle fluttuazioni dei prezzi. L’ATR calcola una media di 14 giorni della volatilità dei prezzi sommando le differenze massimo-minimo (o il prezzo di chiusura del giorno precedente, se questo eccedeva verso l’alto o il basso) degli ultimi 13 giorni e aggiungendo la attuale differenza infragiornaliera massimo-minimo, quindi dividendo per 14. Il risultato indica di quanto si muove il prezzo dell’asset su una media giornaliera. I trader confrontano l’ATR con l’attuale differenza massimo-minimo giornaliera per capire se il prezzo si è mosso di più o di meno rispetto alla media. Se il prezzo si è mosso più della media, se ne può dedurre una saturazione giornaliera; se si è mosso di meno, si può dire che c’è ancora spazio per il movimento. L’ATR è particolarmente utile per gli ordini stop-loss in quanto aiuta a stimare l’entità delle oscillazioni di prezzo a seguito di un evento avverso di mercato.

Diversificazione del Portafoglio

La diversificazione del portafoglio significa “non tenere tutte le uova nello stesso paniere”, ma scegliere attività meno correlate fra loro. Se due attività si fanno influenzare dagli stessi fattori, si muovono simultaneamente e hanno un’elevata correlazione; in caso contrario, non si muoverebbero insieme e quindi non avrebbero alcuna correlazione.

Una correlazione può essere positiva o negativa. Una correlazione positiva è quando i prezzi si muovono nella stessa direzione. In una correlazione negativa si muovono nella direzione opposta. Ad esempio, quando l’USD aumenta dopo un rapporto economico:

  • Asset correlati positivamente, come USD/JPY e USD/CHF, aumentano simultaneamente. Quando i mercati si muovono a nostro favore, l’accumulo di profitti da attività correlate positivamente sarebbe sostanziale. Tuttavia, nello scenario opposto le perdite possono accumularsi. Pertanto, portano a un’elevata esposizione al rischio e gli analisti spesso suggeriscono di evitare investimenti correlati positivamente
  • Asset correlate negativamente, come USD/JPY e EUR/USD, si muovono in direzioni opposte. Se prendiamo solo posizioni lunghe o solo corte, le attività correlate negativamente si bilanciano tra loro e alla fine si bilanciano. Eventuali profitti sarebbero minimi e potrebbero essere annullati dalle commissioni di negoziazione.
  • Asset con bassa o nessuna correlazione, come USD/JPY e Gazprom, non hanno alcun rapporto di prezzo. La compagnia russa Gazprom rimarrebbe inalterata. Profitti e perdite sarebbero indipendenti gli uni dagli altri e il rischio risulterebbe significativamente distribuito. Di conseguenza, un singolo fattore creerebbe un rischio maggiore per il portafoglio.

Copertura

La copertura è un metodo di gestione del rischio di trading. Significa che quando apri una posizione di trading, aprirai un’altra posizione con lo stesso asset nella direzione opposta al tuo investimento. Se la tua posizione primaria perde, la tua posizione alternativa trarrà profitto e compenserà le perdite. Le opzioni di trading Call e Put di Ava Trade, che mantiene fermo il prezzo di esercizio per una certa durata e ti consente di lasciare la posizione per quel prezzo fino alla scadenza, viene spesso utilizzato come strategia di copertura per ridurre al minimo il costo della posizione alternativa.

L’innovativo strumento AvaProtect dell’ app di mobile trading AvatradeGO  utilizza proprio questo approccio per aiutarti a gestire il tuo rischio con facilità. Quando fai trading utilizzando AvaTradeGO, puoi utilizzare la funzione AvaProtect per scegliere un’opzione di direzione opposta nello stesso momento in cui effettui un trade. Questa caratteristica unica rende la gestione del rischio più semplice per te.

10 Regole di Gestione del Rischio

La gestione del rischio è l’aspetto più importante di qualsiasi piano di trading. Oltre alle metodologie matematiche e strategiche da utilizzare, ci sono diverse precauzioni che puoi adottare come trader e prendere in considerazione nel tuo processo decisionale:

  1. Non rischiare mai più di quanto puoi permetterti di perdere;
  2. Non dimenticare mai la regola n°1;
  3. Attieniti al tuo piano di trading;
  4. Tieni sotto controllo i costi, come quelli di spread, rollover / swap e commissioni;
  5. Limita il tuo uso del margine e tieni sotto controllo il margine disponibile per evitare richieste di integrazione;
  6. Usa sempre gli ordini Take Profit e Stop Loss;
  7. Non lasciare mai incustodite le posizioni aperte;
  8. Registra le tue performance e aggiusta il tiro man mano che progredisci;
  9. Evita periodi di alta volatilità come i comunicati stampa economici;
  10. Evita di prendere decisioni emotive durante il trading.

Applicare le Strategie di Gestione del Rischio

È ora di raccogliere i profitti che derivano dal Risk Management! Ora che abbiamo appreso cos’è la gestione del rischio finanziario, come funziona il processo di gestione del rischio e come possiamo migliorare il nostro successo e aumentare i nostri guadagni gestendo il nostro rischio, possiamo fare trading con maggior sicurezza.

Metti in pratica ciò che hai imparato, e guarda come il tuo portafoglio migliora diventando più redditizio! Inizia subito utilizzando la funzione AvaProtect e guarda i vantaggi delle opzioni di risk management o dai un’occhiata agli account di prova a rischio zero  per testare l’efficienza del Trading Plan!

FAQ sulle principali Strategie di Risk Management

  • Cosa sono per i traders le Strategie di Risk Management?
    Il Risk management è una metodologia che I traders possono usare per minimizzare le loro perdite, e per conservare al meglio il loro capitale attraverso gli stravolgimenti del mercato. Esistono sei strategie di base di Risk Management che qualsiasi trader può applicare per proteggere il proprio capitale: 1. Definire un Trading Plan 2. Applicare la Regola dell’Un per Cento 3. Fare ordini Stop-Loss e Take-Profit 4. Impostare Margini di Stop Loss 5. Calcolare il Rendimento Atteso 6. Diversificare e Coprire le Posizioni Aperte.   

     
  • In cosa consiste la regola dell’un per cento nel risk management?
    La regola dell’un per cento definisce la massima entità di rischio che è ragionevole assumersi su base commerciale. Questa è conosciuta anche come risk-per-trade ed è una tecnica applicate per proteggere un utente da una perdita eccessiva. Come probabilmente avrai già capito la Regola dell’un per cento stabilisce che in una singola operazione non deve essere investito più dell’1% del capitale totale. Quindi un trader con un saldo pari a 10,000$ non dovrebbe mettere a rischio più di 100$ in un singolo trade.   

     
  • Qual è la migliore strategia di Risk Management?
    Quando si parla di Gestione del Rischio ci sono quattro strategie di base che si possono seguire: 1. Evitalo; 2. Riducilo; 3. Trasferiscilo; 4. Accettalo. Fra queste la strategia indubbiamente migliore è la numero 2 – Riducilo. Se tu intendessi evitare il rischio dovresti smettere di fare trade, se lo accettassi avresti più probabilità di subire grosse perdite. Anche trasferirlo potrebbe funzionare, ma è improbabile: chi accetterebbe di assumersi i tuoi rischi di trading?