La Banca popolare cinese

La Banca popolare cinese
Banca popolare cinese

La Banca popolare cinese (PBOC) è la banca centrale della Repubblica popolare cinese. Come altre banche centrali, la PBOC ha il duplice mandato di promuovere la stabilità finanziaria e accrescere la prosperità economica in Cina. 

La banca ha subito una serie di riforme e ora gode di una grande autonomia rispetto agli standard cinesi. 

Tuttavia, rimane uno dei 25 dipartimenti statali a livello di gabinetto che costituiscono il Consiglio di Stato. Tuttavia, la PBOC è una delle banche centrali più potenti al mondo e vanta le più grandi riserve Forex che superano i 3 trilioni di dollari. 

Inoltre, la PBOC è nota per implementare strumenti di politica monetaria non convenzionali che hanno fornito soluzioni localizzate per la prosperità economica nella Repubblica Popolare Cinese.

Storia della Banca popolare cinese

La PBOC è stata fondata il 1 ° dicembre 1948 in seguito alla fusione di 3 grandi banche: Huabei Bank, Beihai Bank e Xibei Farmer Bank. 

Ciò è accaduto dopo che il Partito Comunista Cinese ha preso le redini del potere e la Repubblica Popolare Cinese è stata creata. La PBOC è stata l’unica banca del paese fino al 1978, fornendo sia servizi bancari centrali che servizi bancari commerciali durante il famoso periodo dell’economia pianificata cinese. 

Durante quel periodo, tutte le altre banche hanno agito come filiali senza deposito della PBOC. Le riforme economiche eseguite dal Consiglio di Stato cinese nel 1978 hanno portato la PBOC a essere divisa in 4 banche separate, ma di proprietà statale. 

Nel 1982, il Consiglio di Stato annunciò che la PBOC sarebbe stata la banca centrale della Cina. Questo è avvenuto solo nel 1995, quando la legge ha riconosciuto alla PBOC lo status di banca centrale del paese.

Le riforme importanti sono continuate fino alla fine del millennio e nel 2003 la PBOC ha ottenuto una maggiore autonomia e si è assunta la responsabilità generale della stabilità finanziaria e della prosperità economica per la Repubblica Popolare Cinese. 

Governance della PBOC

La PBOC ha sede a Pechino e più uffici in tutta la Cina non sono soggetti alle giurisdizioni amministrative locali.

La banca è guidata da un governatore e 5 deputati. Il Governatore si assume la responsabilità generale delle operazioni della PBOC, con i deputati responsabili dell’assistenza. 

Funzioni e ruoli della PBOC

La PBOC ha oltre 18 dipartimenti che lavorano per svolgere un’ampia gamma di ruoli e funzioni che includono:

  • Elaborare e attuare politiche di orientamento monetario e macro-creditizio.
  • Guidare la riforma del settore finanziario e lo sviluppo di piani strategici per il settore stesso.
  • Redigere, migliorare e attuare leggi e regolamenti pertinenti che aiutino a svolgere le sue funzioni di banca centrale.
  • Emettere e gestire la circolazione della valuta cinese, Renminbi (RMB). 
  • Organizzare e formulare piani per la modernizzazione e la digitalizzazione del settore finanziario cinese.
  • Raccogliere dati rilevanti per analisi e previsioni macroeconomiche, nonché divulgare al pubblico tutte le informazioni utili.
  • Assumersi la responsabilità di prestatore di ultima istanza per le istituzioni finanziarie quando tale liquidità risolve qualsiasi rischio finanziario importante .
  • Supervisionare e gestire il mercato del prestito interbancario e tutti i derivati finanziari su tutti i mercati attinenti. 
  • Sviluppare e implementare il tasso di cambio dello Yuan; nonché monitorare e tracciare i flussi di capitali transfrontalieri.
  • Detenere, gestire e amministrare le riserve di oro e Forex dello stato.
  • Gestire il settore del credito assumendosi la piena responsabilità del mantenimento di un sistema di credito sociale funzionante. 
  • Garantire un sistema di pagamenti nazionale funzionante. 
  • Rappresentare la Repubblica popolare cinese nelle attività finanziarie internazionali in qualità di banca centrale.

PBOC Strumenti di politica monetaria non convenzionale

La maggior parte delle banche centrali utilizza strumenti di politica monetaria convenzionali, come operazioni di mercato aperto e variazione dei tassi di interesse , per gestire o stimolare le proprie economie di interesse.

Ma la PBOC ha spesso implementato strumenti di politica monetaria non convenzionali ma mirati che l’hanno aiutata a raggiungere i suoi obiettivi. Tra questi: 

Rapporto di riserva richiesto (RRR)

La PBOC ha regolarmente applicato tagli RRR mirati per banche e istituzioni finanziarie che prestano a gruppi specifici dell’economia, come le PMI (piccole e medie imprese) e l’agricoltura. 

Prestito supplementare in pegno (PSL)

Il PSL è uno strumento di prestito che consente alla PBOC di prestare alle banche a tassi favorevoli e flessibili. Le banche possono quindi prestare a istituzioni mirate o finanziare progetti di interesse statale. 

Rapporto prestito / deposito (LDR)

La PBOC ha ridefinito il proprio calcolo LDR, omettendo variabili determinanti come i prestiti finanziati dalla banca centrale Ciò porta ad un aumento automatico dei fondi disponibili per i libri di prestito delle banche. 

PBOC in analisi fondamentale

La Cina è un attore importante nei mercati finanziari globali, il che rende la PBOC particolarmente influente. Per cominciare, la PBOC detiene oltre 3 trilioni di dollari di riserve Forex, la più grande partecipazione al mondo.

Ogni volta che la PBOC annuncia un aumento o una diminuzione di tali riserve, il prezzo delle attività sottostanti ne viene influenzato.

Ad esempio, se la PBOC decidesse di liquidare i titoli del tesoro statunitensi, il valore di tali titoli, così come quello del dollaro USA, tenderebbe a diminuire. 

La PBOC agisce sul mercato in maniera anche brusca e di solito attua grossi tagli o aumenti quando l’economia cinese ha bisogno di stimoli o raffreddamento.

In precedenza, la PBOC basava il proprio sistema tariffario su Abacus, il che significava che le tariffe erano fissate su numeri divisibili per 9 (come lo 0,27%). Ma questo è stato abbandonato per il sistema standard in cui le tariffe sono divisibili per 25 (come lo 0,50%). 

Gli aumenti o i tagli dei tassi cinesi non influenzano solo il valore del renminbi. Nel trading Forex , hanno un impatto massiccio sull’AUD (dollaro australiano), che è una delle principali valute .

Questo perché l’Australia e la Cina hanno profondi legami commerciali. In quanto tale, un aumento del tasso della PBOC sarà probabilmente rialzista per l’AUD, mentre un taglio dei tassi sarà ribassista per l’AUD.

Vedi un’opportunità di trading? Apri un account adesso!