Tasso di disoccupazione

Tasso di disoccupazione

Unemployment Rate

Mentre il mondo si globalizza e le tecnologie si diffondono nella nostra vita lavorativa, i settori dell’occupazione stanno cambiando. Tutti stanno cercando di acquisire le migliori posizioni nelle migliori aziende, indipendentemente dalla posizione, il che crea una concorrenza su scala globale nel mercato del lavoro.

Per di più, i cambiamenti politici, sociali e ambientali spostano le economie da una condizione all’altra. Anche se sembra tutto caos, questa è la nuova verità di ciò che chiamiamo economia globale. Le aziende cercano di adattarsi; quelli che riescono ampliano la loro forza lavoro e quelli che falliscono la evacuano. Di conseguenza, le rapide fluttuazioni dei tassi di disoccupazione sono diventate la nuova fonte di riferimento nella valutazione della crescita economica.

Vedi un’opportunità di trading? Apri un account adesso!

Cos’è il tasso di disoccupazione?

Il tasso di disoccupazione è la percentuale di disoccupati della forza lavoro totale di un paese. La forza lavoro totale è composta da tre categorie: dipendenti sul libro paga o a contratto , lavoratori autonomi e disoccupati . Le persone che non sono impiegate ma anche non idonee al lavoro (ad esempio, bambini e anziani) sono escluse dal conteggio della forza lavoro. Pertanto, il tasso di disoccupazione nazionale mostra la proporzione tra il numero di disoccupati e il numero totale di persone che possono lavorare.

Il rapporto sul tasso di disoccupazione è il principale indicatore economico per identificare le tendenze della disoccupazione. In quanto indicatore economico in ritardo , monitora i risultati passati del mercato del lavoro e misura il numero di disoccupati sottraendo le persone che hanno trovato un lavoro e sommando le persone che hanno recentemente iniziato a trovre lavoro. Confrontando i tassi del periodo focalizzato e dei periodi precedenti, possiamo valutare se più o meno persone stanno cercando sostegno da parte dello Stato e dedurre se la disoccupazione è in una tendenza al rialzo o al ribasso.

L’andamento della disoccupazione è fortemente correlato alla fiducia delle imprese nei confronti dell’economia nazionale. In un’economia in espansione, un’elevata attività imprenditoriale aumenterebbe la fiducia delle aziende e le incoraggerebbe a ridimensionare le loro operazioni assumendo più persone. D’altra parte, se l’economia è stagnante o instabile, mirerebbero a mantenere il loro attuale livello operativo e ad astenersi dal fare nuovi investimenti nella loro attività. In tempi di crisi come la svalutazione o le pandemie, tuttavia, lo scopo principale sarebbe quello di garantire la sopravvivenza dell’azienda e i tagli di posti di lavoro aumenterebbero.

Come calcolare il tasso di disoccupazione?

I criteri di definizione e inclusione dei disoccupati e della forza lavoro totale possono variare a seconda del Paese. Pertanto, il rapporto sul tasso di disoccupazione di ciascun paese è leggermente diverso dagli altri. In alcuni paesi, i disoccupati includono solo le persone che ricevono attivamente sussidi di disoccupazione, mentre in altri si riferisce a chiunque nella forza lavoro ammissibile che non dichiari attivamente il reddito. Allo stesso modo, la definizione di forza lavoro totale può o non può contare in lavoratori part-time, lavoratori temporanei o lavoratori autonomi.

Ad esempio, negli Stati Uniti, ci sono 6 diversi rapporti sulla disoccupazione, che vanno dall’U-1 meno dettagliato all’U-6 più dettagliato. Ogni report include o esclude uno o più dei dettagli sopra descritti. I calcoli del tasso di disoccupazione sono destagionalizzati per tenere conto dei ripetuti trend rialzisti durante le festività natalizie e dei ribassi che si verificano successivamente.

Il tasso di disoccupazione ufficiale degli Stati Uniti, U-3 , definisce il gruppo di disoccupati come le persone che hanno cercato attivamente lavoro nelle ultime quattro settimane e include dipendenti a tempo pieno, part-time e temporanei della forza lavoro totale. La formula è la seguente:

U-3 = [(disoccupati) / (forza lavoro totale)] x 100

Nota che, in U-3, le persone che sono alla quinta settimana di ricerca di lavoro sono escluse. Questo gruppo è considerato scoraggiato dal cercare un lavoro a causa di una ricerca infruttuosa. Le ragioni dello scoraggiamento possono variare da pregiudizi legati all’età o alla razza all’essere sotto o troppo qualificati. Questo gruppo è calcolato come parte del gruppo di disoccupati e della forza lavoro totale nella misurazione U-4 .

U-4 = [(Disoccupato + Scoraggiato) / (Forza lavoro totale + Scoraggiato)] x 100

Sebbene la varianza dei metodi di ciascun paese abbia suscitato molte critiche sull’affidabilità dei rapporti sul tasso di disoccupazione,tutti forniscono per lo più le stesse informazioni. Al fine di creare uno standard globale, l’OCSE ha introdotto diversi tipi di rapporti sul tasso di disoccupazione prendendo come base l’ U-3 :

  • Tasso di disoccupazione: formula statunitense standardizzata , i disoccupati attivi nelle ultime quattro settimane sono considerati
  • Tasso di disoccupazione armonizzato (HUR): i disoccupati attivi, senza limiti di orario, sono considerati disoccupati .
  • Tassi di disoccupazione per livello di istruzione: si concentra su età comprese tra 25 e 64 anni e si suddivide in categorie in base al livello di istruzione.
  • Tasso di disoccupazione di lungo periodo: calcola la percentuale di persone disoccupate da più di 12 mesi all’interno di tutta la popolazione disoccupata.
  • Tasso di disoccupazione giovanile: si concentra sulle persone in cerca di lavoro di età compresa tra 15 e 24 anni.

Il tasso di disoccupazione come indicatore economico

Poiché l’andamento del mercato del lavoro si basa sull’interazione tra la fiducia delle imprese e le condizioni economiche, il tasso di disoccupazione è seguito dal governo e dalla banca centrale. Aiuta a capire come i cambiamenti nelle condizioni economiche stanno influenzando le pratiche commerciali per adattare la politica economica di conseguenza .

Un alto tasso di disoccupazione significa che una parte significativa della popolazione vive senza un reddito stabile. Le tendenze al consumo dei disoccupati sono naturalmente limitate a soddisfare i bisogni di base e la loro assenza nell’economia più ampia riduce la domanda generale. Con un surplus di offerta, i prezzi dei prodotti locali subirebbero pressioni al ribasso e diminuirebbero il prodotto interno lordo (PIL) nazionale.

Quando il tasso di disoccupazione rimane alto per troppo tempo, può iniziare una cascata di rallentamento economico. Con l’indebolimento del potere d’acquisto nazionale, le imprese dovrebbero licenziare più dipendenti per bilanciare il calo dei ricavi e restare a galla. A sua volta, più persone farebbero domanda per i sussidi di disoccupazione e creerebbero un grande onere sul bilancio statale per il sostentamento dei cittadini.

Il basso tasso di disoccupazione , d’altro canto, significherebbe che molti cittadini godono di sicurezza finanziaria. Sono in grado di partecipare all’economia di consumo al di là dei loro bisogni di base e creare domanda. Di conseguenza, la crescente domanda aggiunge slancio all’attività economica interna, aumentando il valore dei prodotti locali e di conseguenza anche il PIL.

Anche il mantenimento di bassi tassi di disoccupazione è considerato svantaggioso. L’aumento del potere d’acquisto alla fine distorce il rapporto domanda / offerta verso la domanda,provocando inflazione . Con l’aumento dei prezzi locali, i dipendenti chiederanno aggiustamenti salariali per mantenere il loro tenore di vita. Le imprese diventeranno meno redditizie e mancheranno di risorse per continuare a crescere, il che rallenterebbe l’economia.

Il tasso di disoccupazione ottimale per una sana espansione economica è compreso tra il 3,5% e il 4,5%. Se il tasso di disoccupazione è significativamente più alto dell’obiettivo del paese, la banca centrale può tagliare i tassi di interesse per ridurre i prestiti bancari per le imprese e incoraggiarle ad assumere più persone. Allo stesso modo, l’inflazione dovuta a un tasso di disoccupazione significativamente più basso può essere mitigata attraverso un aumento dei tassi di interesse da parte della banca centrale. La domanda del mercato si contrarrebbe ei prezzi locali diminuirebbero, riducendo così la domanda di salari più alti.

Come fare trading con i rapporti sul tasso di disoccupazione?

Come importante indicatore della crescita economica e delle future decisioni di politica economica, le strategie di news trading spesso considerano il rapporto sul tasso di disoccupazione come un motore di mercato. Un trend rialzista del tasso di disoccupazione può indurre la banca centrale a considerare un taglio del tasso di interesse per stimolare l’indebolimento dell’economia. D’altra parte, se la disoccupazione sta diminuendo, la banca centrale può aumentare i tassi di interesse per controllare l’inflazione e aggiungere valore alla valuta.

I rapporti sul tasso di disoccupazione sono solitamente seguiti da un’elevata volatilità nei mercati valutari . L’aspettativa di una previsione per i tassi di interesse si accumula e si manifesta nelle ore successive alla segnalazione con molteplici opportunità ad alto rischio e alto rendimento. Ad esempio, gli Stati Uniti pubblicano i dati sul tasso di disoccupazione insieme ai libri paga non agricoli (NFP) il primo venerdì di ogni mese. I mercati anticipano questo momento con impazienza e si preparano a negoziare USD e asset americani.

Diciamo che il blocco del Coronavirus negli Stati Uniti ha causato la perdita del lavoro di molte persone e il tasso di disoccupazione è aumentato del 2% in un mese. Ora, siamo nel periodo di ripresa e l’economia americana verrà riaperta, restituendo alle persone il loro lavoro. Controlliamo il calendario economico e vediamo che il risultato precedente era del 7,8% e gli analisti prevedono che il risultato di questo mese sarà del 7,1%.

Controllando i grafici EUR / USD e GBP / USD , vediamo entrambi in calo. Quindi, le aspettative hanno migliorato il sentimento del mercato e incoraggiato i trader ad acquistare USD. Quando il rapporto viene pubblicato, il risultato effettivo è del 6,5%, il che significa un forte calo del tasso di disoccupazione. Il mercato reagisce rapidamente e l’USD guadagna valore in tutti i mercati.

Rapporti chiave sul tasso di disoccupazione nel mondo

A causa del suo impatto sui mercati finanziari, l’indicatore del tasso di disoccupazione è attentamente monitorato in tutto il mondo. Di seguito troverai ulteriori informazioni sul rilascio dei principali tassi di disoccupazione:

Stati Uniti d’America

Unione Europea

  • Regione : Europa
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : Eurostat
  • Attività interessate : EUR; EuroStoxx50 ; DAX 30 , CAC 40 ; titoli di stato dei membri dell’UE

UK

  • Regione : Europa
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : statistiche nazionali
  • Attività interessate : GBP, EUR; Azioni britanniche; FTSE 100 ; Gilts del Regno Unito

Canada

  • Regione : Nord America
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : Statistics Canada
  • Risorse interessate : CAD ; Azioni canadesi; S & P / TSX; Obbligazioni negoziabili canadesi; Olio crudo

Giappone

  • Regione : Asia
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : The Statistics Bureau of Japan
  • Asset interessati : JPY; Azioni giapponesi; Nikkei 225 ; Titoli di stato giapponesi

Cina

  • Regione : Asia
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : National Bureau of Statistics
  • Asset interessati: CNY, AUD, NZD; Azioni cinesi; China A50 ; Titoli di stato cinesi

Australia

  • Regione : Oceania, Asia
  • Data di rilascio : mensile
  • Agenzia emittente : Australian Bureau of Statistics
  • Asset interessati : AUD, NZD; Azioni e obbligazioni australiane e neozelandesi; Indice ASX 200

Perché viene rilasciato il tasso di disoccupazione commerciale con AvaTrade ?

Le pubblicazioni del rapporto sul tasso di disoccupazione sono spesso accompagnate da una volatilità su larga scala nei mercati e generano numerose opportunità di trading sul Forex . Considerando il numero di rapporti sulla disoccupazione pubblicati ogni mese, sfruttare gli strumenti e le risorse che AvaTrade ha da offrire può aumentare rapidamente il portafoglio.

  • Quando sarà pubblicato il prossimo tasso di disoccupazione? Il calendario economico di AvaTrade elenca tutti i principali tassi di disoccupazione; controlla ora e guarda quali sono le previsioni per il prossimo tasso di disoccupazione.
  • Cosa dovrei scambiare con il tasso di disoccupazione? In quanto predittore dei tassi di interesse, il rapporto ha un forte impatto sulla valuta nazionale del paese; puoi sia acquistare che vendere con CFD su coppie di valute su AvaTrade .
  • Come posso saperne di più? Controlla la nostra sezione di formazione completa per saperne di più sulle diverse strategie di trading e leggi il dollaro USA nella sezione Forex Trading.
  • Quali sono rischi? AvaProtect è stato progettato per semplificare il processo di gestione del rischio permettendoti di coprire una posizione nello stesso momento in cui la apri.

I rapporti sul tasso di disoccupazione sono più utili quando ci sono problemi economici in tutto il mondo. Tenendo conto delle variabili che influenzano il tasso di disoccupazione, un’analisi approfondita può aiutare a prevedere se la disoccupazione è in una tendenza al rialzo o al ribasso.

Vedi un’opportunità di trading? Apri un account adesso!