Cosa sono le IPO

IPO

Cosa sono le IPO?

Abbiamo tutti sentito tutti parlare negli ultimi anni del primo giorno in borsa di grandi aziende quali Ferrari, Uber, Alibaba, Poste Italiane e di molte altre che ci accompagnano nella vita di tutti i giorni; davanti agli occhi l’immagine della campanella che apre le quotazioni nel primo giorno di borsa, spesso di fronte a personalità del mondo della politica e dello spettacolo a sottolineare l’importanza dell’evento. Dopo i sorrisi e le strette di mano il prezzo è pronto per oscillare. Ma come sempre sono i mercati che decidono le sorti di una azienda che si quota, non solo il suo management.

Chi di noi trader ed investitori non vorrebbe entrare nel business di queste aziende che stanno per quotarsi nelle borse di tutto il mondo?

Questo è la pagina giusta per capire questo processo e tramite AvaTrade poterlo sfruttare attraverso le sue piattaforme prima anche con un test in ambiente demo e quando sarai pronto anche con un conto reale.

In questa prima parte di seguito entriamo nella definizione e nei processi di una IPO.

Quando un’impresa decide di quotarsi in un mercato regolamentato, quale ad esempio la Borsa valori, deve effettuare un’offerta al pubblico; questa offerta prende il nome di IPO (Initial Public Offer).

Nella pratica tale offerta può prendere la forma di:

  1. Sottoscrizione di azioni di nuova emissione ad un prezzo stabilito (OPS)
  2. La vendita di azioni già esistenti ed in possesso degli attuali azionisti (Offerta pubblica di Vendita)

E’ possibile assistere anche ad una forma composta tra le due, in cui vengono emesse nuove azioni ed avviene anche la vendita di quelle esistenti. Nel primo caso (OPS) l’offerta comporta un incremento del capitale sociale dell’impresa, nel secondo vengono invece remunerati i vecchi azionisti.

Il collocamento delle azioni è solo l’ultima delle attività che precedono l’ingresso in borsa di una nuova matricola; le altre sono relative all’individuazione degli intermediari, all’emissione di un prospetto informativo ed alla decisione del prezzo di collocamento.

Il prezzo con il quale l’impresa intende quotarsi sul mercato viene normalmente deciso sulla base del book delle richieste che gli investitori istituzionali propongono dopo aver letto il prospetto informativo.

L’IPO è rivolta al pubblico indistinto degli investitori, pertanto rappresenta una forma di sollecitazione all’investimento (pubblico risparmio), quindi la società emittente deve predisporre l’operazione seguendo tutta la disciplina del Testo Unico della Finanza (D.Lgs. 58/1998) che disciplina la garanzia attraverso un’informazione trasparente ai soggetti a cui è destinata l’offerta.

La compagnia che sta realizzando una IPO deve dare una comunicazione preventiva all’organo di vigilanza (in Italia quindi alla Consob) e deve specificare ogni caratteristica dell’offerta, deve elencare tutti i soggetti che presenzieranno all’IPO e specificarne ruolo. La società deve allo stesso tempo presentare un Prospetto Informativo che segua i dettami dettati dalla stessa Consob.

L’IPO è una procedura complessa che può essere divisa in diverse fasi alle quali partecipano soggetti diversi ed è mirata per andare a raggiungere obiettivi specifici.

I soggetti che fanno parte dell’operazione sono diversi e possiamo elencarli in:

  • la società emittente
  • il coordinatore globale
  • lo sponsor
  • l’advisor finanziario
  • lo specialist
  • i membri del consorzio di collocamento
  • gli studi legali

L’iter per essere ammessi alla quotazione alla Borsa si svolge in un lasso di tempo che va dai 4 ai 6 mesi ed in questo periodo si alternano fasi di pianificazione, due diligence, elaborazione del prospetto informativo e di tutta la documentazione necessaria per potere essere quotati. Successivamente avviene anche la costituzione di un consorzio per il collocamento, vengono svolte attività di marketing, presentazioni itineranti, redazione di presentazioni di natura commerciale.

Benefici e costi legati alla quotazione in Borsa

Il beneficio più evidente che porta la quotazione in borsa è la raccolta di nuovi capitali; inoltre il prestigio che ne deriva rappresenta un’importante valore di marketing.

I costi dell’IPO sono innanzi tutto relativi alle spese legali e di consulenza per ottemperare alle procedure previste dagli ordini di vigilanza. Vi sono poi una serie di costi legati alla ristrutturazione interna che l’impresa deve affrontare al fine di rendere costantemente disponibili i dati finanziari agli investitori, alle autorità ed agli altri organi preposti.

L’approvvigionamento di investitori attraverso i mercati finanziari e le borse costituiscono una delle migliori forme per attirare investimenti, attraverso la negoziazione sulle borse saranno poi i mercati che stabiliranno attraverso il meccanismo della domanda e dell’offerta il prezzo dell’azienda quotata, nonché il derivante successo o insuccesso sul mercato.

Attraverso AvaTrade e le sue numerose piattaforme hai la possibilità tramite i nostri CFD di entrare direttamente nella negoziazione delle principali società quotate non solo nella borsa Italiana ma anche i quelle delle principali borse europee e mondiali, con una vasta gamma e quantità di compagnie quotate anche sugli indici americani non solo del S&P500 ma anche del Nasdaq100 e del DJ30.

Visita direttamente le nostre condizioni di trading per avere tutti i dettagli delle compagnie negoziabili attraverso le loro azioni replicate dai nostri CFD