Azioni BMW

azioni bmw

Comprare azioni BMW

Il titolo BMW è quotato in diverse borse valori a livello globale. Il principale mercato di riferimento per Bayerische Motoren Werke AG è la borsa valori Xetra di Francoforte, dove il titolo viene scambiato con ticker BMW. Se la tua banca offre servizi di investimento e trading in borsa, avrai magari esplorato i diversi titoli su cui è possibile investire. Con le banche tradizionali è per lo più possibile trarre un potenziale profitto solamente dall andamento rialzista del titolo, in quanto si procede all’acquisto e alla successiva vendita del titolo con un vincolo di un certo capitale. Una soluzione più flessibile per i trader è fornita dai CFD che permettono potenzialmente di ottenere un profitto sia da un rialzo dell’asset sottostante che da un ribasso del mercato.

 

 

I vantaggi non finiscono qua però, in quanto AvaTrade offre una generosa leva sul trading azionario. La leva funge da moltiplicatore del capitale a disposizione. Questo significa che depositando e vincolando solo 100 euro (leva finanziaria forex) è possibile controllare una posizione con un controvalore decisamente superiore. In altre parole è come se il broker effettua un prestito per consentire al trader di operare con importi più elevati, a fronte di un deposito di garanzia. Da ricordare però che la leva aumenta sia i possibili guadagni che le possibili perdite.

Se vuoi fare trading su BMW, puoi operare sin da subito sulle azioni della storica azienda tedesca senza dover abilitare l’operatività al mercato tedesco, aprendo semplicemente un conto su AvaTrade! Se ancora non conosci bene cosa sono i CFD, può essere opportuno aprire prima un conto demo ed espandere le proprie conoscenze sul sito dedicato alla formazione SharpTrader (www.sharptrader.com) senza speculare con capitali propri.

Quotazioni azioni BMW

Controlla le condizioni di trading per acquistare BMW

Dati storici di BMW

BMW sta investendo notevolmente nell’elettrico, in quanto ritiene che questa sia la strada da percorrere nel futuro. Il produttore tedesco di auto ha annunciato lunedì 18 dicembre 2017 di avere un target di vendita di 100.000 auto elettriche a livello globale, per un aumento superiore al 60% delle auto elettriche vendute da BMW nell’ultimo anno. BMW ha infatti beneficiato di una forte domanda in Europa occidentale e negli Stati Uniti dei modelli quali i3, e l’ibrida Active Tourer. BMW è stata una vera pioniera dell’elettrico, con il lancio dell’i3 che risale al 2013, anche se le vendite fino ad oggi sono state limitate. Tuttavia la situazione è cambiata completamente a settembre, quando il gruppo con sede a Monaco ha dichiarato di voler investire nella produzione di massa dell’elettrico, e che prevede di produrre 12 veicoli 100% elettrici entro il 2025 con un’autonomia fino a 700 chilometri.

L’amministratore delegato “Harald Krueger” ha dichiarato: “la mobilità elettrica è l’indicatore su cui misuriamo il nostro successo”. Tale rivoluzione è resa possibile anche dallo sviluppo di batterie e dalla nuova partnership siglata dalla società di batterie americana Solid Power, che ha siglato un accordo con BMW per sviluppare la prossima generazione di batterie a stato solido per l’impiego in veicoli elettrici. Questo aggressivo passaggio all’elettrico comporta ingenti costi di ricerca e sviluppo (7 miliardi di euro nel 2017, esattamente pari a quanto speso nel biennio 2011-2012), che BMW prevede di compensare offrendo nuovi veicoli nel segmento di auto superiori ai €100.000. Nel corso del 2017 e 2018 BMW prevede di far uscire 40 veicoli nuovi e rivisti, tra cui il nuovo SUV X7 e la coupé 8-Series, per riaffermarsi come leader del settore delle auto di lusso. Tuttavia la corsa di BMW verso il futuro la porterà a fare i conti non solo con concorrenti storici, come Mercedes, ma anche nuovi player di mercato come Tesla e Uber Technologies Inc. Riuscirà BMW ad imporsi in futuro o continuerà a sottoperformare rispetto ai suoi omologhi?

 

 

Performance delle trimestrali e l’andamento del titolo

Le prossime trimestrali per il Q4 2017 verranno pubblicate il 21/3/2018. Le attuali stime del consenso sono di un EPS di €2.38 per azione, in rialzo dai €2.34 di un mese fa e dei €2.24 di tre mesi fa. Al contempo le stime per il Q1 2018 sono di una lettura decisamente superiore, pari a €2.79, riviste al rialzo dai €2.73 di un mese fa e dei €2.74 di tre mesi fa.
Dall’1 gennaio al 30 settembre 2017, nei primi tre trimestri dell’anno, la società ha prodotto complessivamente 1.876.995 veicoli divisi tra i marchi BMW, Mini e Rolls-Royce, per un aumento rispetto allo stesso periodo nel 2016 del 3.8%, a cui si va aggiungere una forte crescita (+26.9%) di produzione di motocicli, pari a 146.995 unità.

Il titolo BMW.DE al dicembre 2017 registrava una performance da inizio anno sostanzialmente piatta. Il titolo ha aperto il 2017 a quota 88.09 ed era scambiato il 20 dicembre a 87.06, attorno ai livelli di inizio anno e il 25.78% al di sotto del massimo a 52 settimane e il 29.15% al di sotto del massimo a 5 anni.

La storia dell’azienda

Bayerische Motoren Werke AG, più conosciuta come BMW, è una società tedesca di auto, moto e motori fondata nel marzo 1916 da Franz Josef Popp, Karl Rapp e Camillo Castiglioni. La sede della BMW si trova a Monaco in Germania. BMW è la controllante di Rools-Royce Motor Cars, e produce anche le Mini. L’azienda produce motocicli con il marchio BMW Motorrad.

BMW rientra nei principali 3 produttori di auto di lusso tedesche, che sono tra i principali venditori di auto al mondo.