Trading sul Mais

Il mercato del granturco: un introduzione al mais

Prima di affrontare il tema del trading sul mais, è importante introdurlo con una breve premessa. Conoscere il Mercato e le sue corrispettive variazioni e oscillazioni, permette ai trader, sia essi esperti o neofiti, di acquisire una maggiore consapevolezza su ciò che si vuole acquistare. Dunque per discutere sul trading sul mais, bisogna conoscere due elementi fondamentali: l’asset -il bene- e gli elementi che permettono le variazioni del suo prezzo.

 

Nel mercato il mais occupa circa il 40% dei cereali venduti e nella maggior parte dei casi l’utilizzo che ne viene fatto è destinato al nutrimento degli animali e del loro allevamento; inoltre il mais trova la sua produttività nel Bioetanolo: un biocarburante ottenuto attraverso la fermentazione di materiale vegetale contenente amido e zuccheri.

Va da sè che la produzione di Bioetanolo ha una valenza non indifferente in termini di mercato e ciò aumenta la domanda di mercato del mais stesso.
La coltivazione dei cereali, così come quella del mais, nel mondo è fondamentale per diverse ragioni:

  • È il principale fatto nutrizionale di numerosi paesi e popoli, in particolare quelli con un tasso di povertà elevato
  • L’utilizzo e la velocità con il quale il cereale viene coltivato e raccolto, fa sì che questo sia la materia prima per eccellenza nel settore finanziario ed economico
  • La sua alta digeribilità e lunga conservazione sono alla base dei punti sovraesposti

Insomma il cereale sembrerebbe – ed effettivamente lo è – alla base di fattori nutrizionali ed economici di elevata importanza, sia esso come fattore alimentare che come prodotto su cui tradare.

Fare trading online sul Mais

Il mercato del granturco è aperto tutto l’anno, e dato che il grano è un prodotto stagionale è intuibile che il picco del suo valore di mercato viene raggiunto durante i periodi estivi, stagione ideale per il trading sul mais.

Dunque le stagioni invernali, piuttosto che quelle estive, sono dedite alla vendita del grano. Al Dipartimento dell’ agricoltura degli Stati Uniti – USDA- è riconosciuto il primo rapporto sul granturco che solitamente viene pubblicato entro il marzo permettendo di stimare il numero di acri coltivati e raccolti che permetterà di prevedere il prezzo del mais nel mercato.
Principalmente vengono riconosciute due tipi di metodologie per fare trading online.

Futures
Riconosciuti come contratti a termine tradizionali, i futures seguono un modello contrattuale facile e veloce nello scambio. Attraverso un contratto futures su di un asset, in questo caso il grano, le due parti attuano una compravendita con rispettiva scadenza, quantità e prezzo. Una volta raggiunta la data di scadenza chi ha acquistato i futures non deve venir meno ai patti e dunque pagare la somma stabilita. Il CME – Chicago Mercantile Exchange- è riconosciuto come il mercato futures più grande su materie prime.

CFD
Sono definiti CFD quei tipi di contratti stipulati tra venditore e compratore senza che vi sia la proprietà dello strumento sul quale si vuole trattare. I CFD hanno come obiettivo il raggiungimento di un risultato positivo a breve termine attraverso diverse modalità e procedimenti come ad esempio i software di operatività. Inoltre i CFD permettono il trading online, con il quale è possibile speculare sull’andamento azionario di mercato, con corrispettivi titoli sui quali si vuole investire.

Questo è possibile, nella maggior parte dei casi, sotto consiglio di un Broker professionista, al quale affidarsi per il proprio investimento. Solitamente i consigli sono preferibili sia per trader principianti che per quelli più esperti.

Differenze operative tra Futures e CFD

  • L’operatività è connessa soprattutto agli orari di trading, i futures operano secondo determinati orari – solitamente 9\10 ore-, a differenza dei CFD operano H24
  • Un primo fattore differenziale sull’operatività sono i margini di garanzia: per aprire una posizione sui futures, la minima richiesta è pari al 7%. Diverso per i CFD, che per esporsi richiedono una minima dello 0,5%
  • Nella fase d’apertura di una posizione, è possibile inserire un Stop Loss garantito; questo permette una chiusura automatica della posizione qualora il livello preselezionato venisse raggiunto. Lo stop garantito assicura la chiusura di una posizione ad un livello elevato. I CFD comprendono uno stop loss garantito nel momento in cui viene aperta una posizione, a differenza dei futures che sono parzialmente soggetti a gap di mercato.

Previsioni ed elementi che influiscono sul prezzo del mais

A prescindere dallo strumento finanziario che si decide di utilizzare per il trading, è opportuno soffermarsi e analizzare quei mezzi che valutano l’andamento di prezzo del mais. Come anticipato precedentemente il mais – così come i cereali – ha una posizione d’elite nel mercato.

Fattori come la quantità -in termini di produzione-, la domanda sempre crescente da parte degli allevatori e la richiesta sempre più alta da parte dei produttori di bioetanolo, hanno fatto sì che il prezzo del mais sul mercato divenisse stabile per oltre due anni.
Oggi gli Stati Uniti sono i principali produttori di granturco e producono oltre 350 milioni di tonnellate di mais all’anno, seguiti da Brasile, Cina e Argentina. Oltre all’esportazione e all’importazione, altri importanti fattori vanno ad influenzare l’andamento di prezzo del mais nel mercato, come ad esempio gli accordi internazionali – intesi come accordi politici, commerciali e statali – responsabili di gap e oscillazioni. Ma non sono gli unici: Durante i periodi estivi – da giugno ad agosto- il prezzo del mais può superare le previsioni fatte dall’ USDA a marzo, con conseguenti variazioni. Dunque l’aspetto meteorologico non è sicuramente da sottovalutare.

Per concludere si può desumere che le quotazioni del mais, così come quelle dei cereali, sono legate a due aspetti essenziali: il settore alimentare e quello energetico. Questo connubio borsistico è la testimonianza di quanto il mais sia radicato nell’aspetto economico del mercato globale.

Iniziare il trading online su mais: un aspetto pratico

Un conto Demo è l’approccio ideale per un nuovo trader, esso permette -senza obblighi e costrizioni- la simulazione di un investimento reale sul mercato. Gli asset rispetto ai valori guadagnati, sono virtuali e non permetto quindi un guadagno “fisico”.

L’apertura di un conto demo aiuta principalmente a capire in modo diretto e senza rischi le dinamiche e oscillazioni borsistiche per poi iniziare a speculare su un conto di trading reale.

Come investire sul Mais

Potrebbe sorprende i lettori il fatto che, nonostante l’utilizzo e la popolarità globale del mais, o granoturco, il trading sui future di quest’ ultimo non sia così comune. Per questo motivo non viene offerto da tutti i broker online, e soprattutto, non a queste ottime condizioni e con questa piattaforma.

  • Leva fino a 33:1 con i CFD sul granoturco
  • Fai trading su un mercato esclusivo 17.5 ore al giorno
  • Una materia prima unica e poco utilizzata nel trading
  • Supporto 24/5 in 14 lingue
  • Esercitati con il nostro pratico conto trading demo e mantieni intatto il tuo capitale
  • Primo tra i migliori broker regolamentati a livello internazionale

 

Il mercato del granoturco

Il mercato del granoturco è aperto tutto l’anno, tuttavia, dato che il grano è un prodotto stagionale, il picco della stagione di trading è durante l’estate. Il grano è distribuito e venduto durante l’inverno, lasciando così le speculazioni sulla crescita, le stime dei numeri e quant’altro al periodo estivo.

Il primo rapporto sul granoturco e forse il più influente viene pubblicato a marzo dal Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA). Il rapporto presenta le stime circa il numero di acri coltivati dagli agricoltori, che ovviamente influirà sul prezzo di mercato del mais.

I fattori che influenzano il prezzo del granoturco

Una panoramica del mercato del grano rivela come gli Stati Uniti non siano solamente i principali produttori, ma anche i principali consumatori.

  • Solamente una piccola parte del grano raccolto viene utilizzato nell’industria alimentare, nella forma di pannocchie e olio di mais. L’utilizzo di bioetanolo si sta diffondendo sempre di più, specialmente negli Stati Uniti e viene prodotto con una componente di granoturco a dir poco consistente. Il 40% del granoturco prodotto viene destinato alla produzione di etanolo.
  • Il prezzo del mercato del grano viene influenzato per lo più dai tassi di domanda/offerta. Con il consumo di mais come alimento che rimane piuttosto invariato, è l’utilizzo industriale del mais che varia. Per questo, se il prezzo degli etf petrolio, è facile registrare variazioni anche nel prezzo del grano
  • Il prezzo del grano tende a schizzare durante i mesi estivi, da giugno ad agosto, quando il meteo cambia e influenza il raccolto. Questo può portare a enormi variazioni rispetto ai volumi previsti e pubblicati a marzo, con conseguenti variazioni nel prezzo del granoturco.
  • Il principale produttore di granoturco sono gli Stati Uniti, con oltre 350 milioni di tonnellate di mais all’anno. Seguono Cina, Brasile e Argentina. Oltre alle importazioni ed esportazioni esistono altri fattori in grado di influenzare il consumo del mais, tra cui cambiamenti politici, accordi commerciali, imposte e molto altro. La natura delle relazioni tra i paesi produttori e i paesi consumatori sono fondamentali per determinare il prezzo del granoturco.

Trading sul granoturco con AvaTrade

Non così popolare tra i trader comuni, il mercato del granoturco offre opportunità di trading online di nicchia. A tal fine, è importante analizzare e monitorare i rapporti, le previsioni del tempo e forse anche i prezzi del petrolio greggio.

AvaTrade è felice di offrire ai propri clienti questa nuova possibilità di trading, che permette non solo di diversificare il proprio portafoglio, ma soprattutto di capitalizzare potenzialmente da uno strumento di trading unico nel suo genere.