Block Trades

Block Trades
Block Trades

Cosa sono i Block Trades?

Ogni volta che c’è un ordine per 10.000 azioni o $200.000 di un singolo titolo (esclusi le penny stock), è considerato  un block trade o un block order. In molti casi questi tipi di operazioni sono piazzati da investitori istituzionali, come un gestore di hedge fund che ha un ampio portafoglio del valore di decine o centinaia di milioni di dollari.

Quando un trader o un manager di queste dimensioni ha bisogno di scaricare rapidamente un grande pacco di azioni, potrebbe venderle immediatamente con uno sconto, chiamato  sconto di blocco. Un ordine di blocco non viene utilizzato solo per vendere titoli, ma può anche essere utilizzato quando si acquista un titolo. Questo può aiutare a sostenere il prezzo di un titolo o addirittura spingerlo più in alto se il block trade è abbastanza grande rispetto al volume di trading tipico del titolo specifico.

Le negoziazioni a blocchi possono essere consegnate a un intermediario, oppure vengono inserite tramite un sistema speciale che assegna un prezzo medio per azione al trade, che è il prezzo ponderato di tutte le esecuzioni necessarie per evadere completamente l’ordine. La parte che effettua l’acquisto o la vendita mantiene il controllo su come viene inserito l’ordine, oppure può indirizzare il proprio intermediario su come condurre la negoziazione. Tuttavia, è importante ricordare che queste grandi operazioni potrebbero non ottenere sempre il prezzo desiderato o il numero di azioni perché possono avere un impatto significativo sul prezzo del titolo.

In molti casi un block trade verrà eseguito fuori dagli scambi del mercato, over the counter, ma il trade deve comunque essere segnalato nell’Exchange. Ad esempio, un fondo potrebbe voler vendere 50.000 azioni Apple e un altro fondo potrebbe essere disposto ad acquistare queste azioni. I due  sono in grado di condurre questa transazione fuori dall’Exchange. È anche possibile pubblicare semplicemente il loro intento con un intermediario o su un dark pool quindi una corrispondenza può essere trovata anche in questo modo. In entrambi i casi le due parti concordano il prezzo per la transazione. Quando questa transazione avviene al di fuori del mercato, è comunque richiesto dalla legge di segnalare la transazione dello scambio in modo tempestivo.

Gli intermediari utilizzati per le operazioni di blocco sono spesso indicati come case di blocco. Queste case di blocco possono trovare una parte interessata a prendere l’altra parte di qualsiasi transazione, oppure potrebbero suddividerla in una serie di ordini più piccoli, che vengono poi inviati alle reti di comunicazione elettronica o direttamente a più intermediari. Spezzettando il commercio di blocchi in questo modo, stanno offuscando la dimensione effettiva dell’ordine e l’entità che ha originato l’ordine. Possono anche inviare questi ordini a prezzi diversi e in momenti diversi al fine di ridurre al minimo l’impatto dell’ordine sui prezzi di mercato.

Comprendere le operazioni a blocchi

A causa delle enormi dimensioni delle operazioni di blocco, sono raramente, se non mai, fatte da singoli investitori. In pratica le negoziazioni a blocchi sono quasi esclusivamente il risultato di un grande fondo o di un trading desk che acquista e vende grandi quantità di azioni o obbligazioni,in genere attraverso le banche d’investimento di Wall Street  o attraverso qualche altro intermediario autorizzato.

Quando un block trade viene condotto su uno scambio nel mercato aperto, i trader devono usare cautela perché le grandi dimensioni del trade possono avere un impatto enorme sui volumi di trading e sul prezzo delle azioni o obbligazioni scambiate. Questo è il motivo per cui un intermediario viene quasi sempre utilizzato per condurre operazioni di blocco piuttosto che il fondo o il trading desk che acquista e vende i titoli direttamente in borsa come farebbero con importi minori.

Come vengono effettuate le operazioni di blocco

Come accennato in precedenza, in genere un commercio di blocchi viene effettuato attraverso un intermediario, noto come block house. Si tratta di aziende specializzate nell’acquisto e nella vendita di grandi blocchi di titoli. Poiché sono specializzati in questo, sono in grado di avviare con attenzione operazioni di grandi blocchi e spesso possono evitare di innescare volatilità e un grande aumento o calo del prezzo del titolo. Le case a blocchi hanno trader che hanno una grande conoscenza ed esperienza quando si tratta di eseguire e gestire grandi operazioni. In genere hanno anche relazioni speciali con altre case di blocco, broker e  trading desk che rendono più facile per loro scambiare questi grandi blocchi di titoli senza avere un impatto sul prezzo.

Quando un fondo o un altro grande trader è pronto a condurre un trade di blocco, in genere si metterà in contatto per negoziare con la block house, presumendo che sarà in grado di mediare l’affare migliore per il grande trade. Dopo che l’ordine è stato effettuato, il personale del blocco inizia a contattare quei broker e trader specializzati sul particolare titolo acquistato o venduto. In genere, l’ordine verrà splittato in blocchi più piccoli con diversi acquirenti o venditori. In molti casi ciò comporta anche ordini speciali chiamati ordini iceberg  che mascherano le dimensioni effettive dell’ordine completo.

Esempio di Block Trade

Supponiamo che un gestore di hedge fund debba vendere un milione di azioni di Tesla. L’attuale volume medio giornaliero per Tesla è di circa 4 milioni di azioni. Ciò significa che cercare di vendere tutte le azioni contemporaneamente innescherebbe probabilmente un forte calo del prezzo, poiché rappresenterebbe il 25% del volume abituale delle azioni TSLA. Ciò significa che un ordine di mercato, o anche un ordine limite o un ordine iceberg non funzionerà in questo caso.

Invece il gestore di hedge fund si rivolge a una block house con cui è abituato a lavorare e chiede loro di gestire la transazione. La block house, che conosce altri grandi acquirenti e venditori in azioni Tesla, potrebbe conoscere un acquirente o  un certo numero di  acquirenti interessati alle azioni. In tal caso il block house potrebbe negoziare un prezzo che sia gradito a entrambe le parti ed eseguire il trade off dello scambio, dove non avrà alcun impatto sul prezzo di mercato di TSLA.

Se la block house non è in grado di trovare un acquirente corrispondente per vendere le azioni fuori dall’Exchange, potrebbe anche provare il dark pool. Poiché i dark pool mostrano solo che c’è un ordine, ma non quante azioni ci sono nell’ordine, la block house è libera di pubblicare questo grande blocco di azioni e può interagire liberamente con gli ordini di acquisto opposti nella dark pool. Questo potrebbe gestire tutte le azioni o la block house potrebbe ulteriormente suddividere l’ordine e inviarlo ad altri ECN e broker in momenti diversi e prezzi diversi al fine di nascondere le dimensioni effettive dell’ordine e l’identità del venditore.

Supponiamo che un’azione sia scambiata a $ 120 quando viene effettuato l’ordine per vendere il milione di azioni. Suddividendo l’ordine in pezzi più piccoli, la block house è in grado di vendere tutte le azioni ad un prezzo medio di $ 119,50 per azione. Poiché l’ordine è stato suddiviso in blocchi più piccoli e distribuito tra molti broker e ECN, ha avuto un impatto molto minore sul prezzo di mercato di quel titolo di quanto avrebbe potuto avere altrimenti.

Registrati ora per un conto di trading per entrare nei mercati o prova il
nostro conto demo senza rischi.