Terminologia di trading

Terminologia di trading
Terminologia di trading

Il forex trading, così come qualsiasi altra attività di investimento, richiede formazione e pratica costanti. Molte volte il linguaggio specifico in ambito finanziario e di trading ci sembra complesso e confuso, ma non dobbiamo lasciarci intimidire.

Comprendere e padroneggiare i termini chiave è fondamentale, e può aiutarci a diventare trader sempre migliori. Apprendere termini specifici ci permette di fruire di fonti di informazione professionale e qualificate, o di partecipare alle discussioni che si svolgono sui forum di trading più interessanti.

Imparare a sentirci a nostro agio con linguaggio e ambienti in cui i termini finanziari sono utilizzati con costanza ci permette di muoverci con disinvoltura e fiducia. I termini più elementari ci serviranno per acclimatarci, mentre quelli avanzati ci permetteranno di comprendere le strategie più sofisticate.

Permetti ora un piccolo chiarimento. La terminologia specifica del trading usa una enorme quantità di termini anglofoni, che non sempre possono essere tradotti in italiano senza risultare snaturati. Laddove è possibile nel nostro materiale formativo abbiamo tradotto il gergo finanziario per renderlo quanto più chiaro possibile. Nei casi di mancanza di un corrispettivo esatto invece, abbiamo preferito conservare la lingua madre del trading, che è l’inglese. Abbiamo scelto ogni nome con cura, tenendo presente di quale combinazione fosse la più comune, per far si che i nostri trader potessero usarli come chiavi di ricerca, e approfondire ogni argomento su altri mezzi di informazione e motori a modo loro, qualora lo ritenessero necessario. Buon trading a tutti!

Per entrare subito nel mood giusto, vediamo insieme alcuni dei termini più semplici da cui iniziare:

  • Asset
    Si tratta di un termine generico, e si adatta a qualsiasi bene acquistato o venduto sui mercati finanziari.

  • Prezzi Bid/Ask (o prezzi denaro/lettera)
    Bid, o prezzo offerta, è l’importo al quale il broker o il mercato accetta di acquistare un bene dal trader. Ask o prezzo di domanda è l’importo per il quale il broker o il mercato accettano di vendere un bene al trader, in altre parole il prezzo a cui l’asset è acquistato. Quando visualizziamo le quotazioni di mercato i due prezzi sono l’uno accanto all’altro, e le differenze sono generalmente minime.

  • Spread
    La differenza tra il prezzo bid e quello ask si chiama spread, talvolta indicato anche come differenziale. È il prezzo che il broker applica per aprire le posizioni, e una delle voci principali nel calcolo dei costi delle operazioni CFD.

  • Day Trading
    Si tratta di una strategia di trading che prevede l’apertura e la chiusura di una o più posizioni nell’arco di una singola sessione o giornata di negoziazione.

  • Swing Trading
    Una strategia che consiste nel mantenere posizioni aperte per più giorni consecutivi, o perfino settimane, al fine di trarre vantaggio da ampi movimenti di prezzo dei mercati.

Non tutti i termini possono essere riassunti in due righi, quindi abbiamo pensato di organizzarli in una pratica raccolta di articoli da sfogliare nell’ordine che preferisci!

Cos’è la correlazione

La correlazione è un termine che deriva dal gergo economico e statistico, e può essere definita come la relazione che esiste tra due asset secondo un rapporto identificabile, a prescindere dall’esistenza di un nesso causale. La correlazione può essere positiva, se la reazione si traduce in un aumento per entrambe; può essere negativa, se all’aumento del primo corrisponde una proporzionale diminuzione del secondo; può essere assente, se i cambiamenti dell’uno non mostrano influenza sull’altro.

Definizione di swap valutario

In finanza, uno swap valutario è una forma di contratto secondo la quale due parti si impegnano a scambiarsi una certa quantità di valuta ad un tasso di cambio prefissato in una data futura concordata.

Definizione di Carry Trade

Si tratta di una delle forme di investimento più popolari del momento sui mercati finanziari. Prevede di vendere o prestare un asset con un tasso di interesse basso allo scopo di usare i ricavi per finanziare l’acquisto di un altro asset avente tasso di interesse più elevato.

Cos’è l’arbitraggio

Nella sua forma più elementare, l’arbitraggio può essere definito come l’acquisto e la vendita simultanea di due strumenti assimilabili su due mercati diversi. Lo scopo è quello di trarre vantaggio dal differenziale dei prezzi che deriva dalle divergenze di domanda e offerta locali.

Definizione di volatilità

La volatilità dei mercati finanziari corrisponde al tasso di variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi di un asset, rispetto ai rendimenti passati dello stesso. Solitamente per misurarla si confrontano i rendimenti annui a quelli di un certo periodo di interesse. La sua importanza risiede nella sua grande capacità di influenzare il sentiment del mercato.

Cos’è lo slippage

Nel gergo di trading con il termine slippage si fa riferimento alla differenza tra il prezzo che il trader si aspetta di pagare o ricevere per una negoziazione e quello a cui l’ordine viene eseguito. Può essere sia positivo che negativo, e si tratta di una variabile difficile da prevedere. Per fortuna esistono delle tecniche per gestirlo, basta solo conoscerle!

Cos’è la liquidità?

Il concetto di liquidità è piuttosto scivoloso, soprattutto per i trader alle prime armi, e comprenderlo può influenzare fortemente la qualità del nostro trading. La liquidità misura la facilità alla quale è possibile acquistare o vendere un asset sul mercato senza significative variazioni di prezzo. In altre parole misura l’efficienza con cui la merce può essere convertita in denaro e viceversa, senza che il suo valore cambi.

Cos’è un ciclo di mercato?

Ad un occhio inesperto può sembrare che i mercati si muovano su e giù in maniera casuale, ma i trader tecnici sono convinti che osservandoli con attenzione sia possibile scorgere precisi schemi ciclici. Per lo più si tratta di conseguenze del comportamento dei grossi investitori istituzionali, e per aumentare le performance di trading i piccoli investitori retail possono provare a individuare questi movimenti, detti cicli di mercato.

Definizione di Currency peg

Il currency pegging fa parte di quei termini che difficilmente vengono tradotti in ambito finanziario. Peg significa letteralmente “piolo” o “molletta”, e in italiano è tradotto qualche volta come ancoraggio valutario, ma per lo più si fa riferimento a questo concetto con l’espressione “tasso di cambio fisso”. Si tratta di una pratica attraverso la quale un paese “ancora” il proprio tasso di cambio a quello di un’altra valuta, o paniere di valute, o perfino ad una differente unità di misura, come l’oro.

Definizione di Contango and Backwardation?

Il contango è una situazione tipica nel mercato delle materie prime, soprattutto per quanto riguarda i beni non deperibili. Un mercato si definisce in contango quando i prezzi dei futures sono maggiori del prezzo spot. La backwardation è la situazione opposta, ed è più tipica delle materie prime deperibili. Determinati eventi possono portare il mercato a spostarsi da una situazione all’altra. In quanto puri speculatori i trader dovrebbero conoscere questi due meccanismi meglio delle loro tasche, sia per tutelarsi che per cogliere le eventuali opportunità di profitto che comportano.

Cos’è il Drawdown?

Il concetto di drawdown fa parte di quei pilastri che non possono mancare nella preparazione di un buon trader. È la misura di quanto un conto di trading è sceso in termini di capitale (o importo degli investimenti) rispetto al suo ultimo picco. Provare a mettere giù un piano di gestione del rischio senza conoscerlo equivale a fare un tuffo senza sapere quanto è profonda l’acqua.