550 views

Highlits sull’indagine triennale del 2022 sul turnover sul mercato Forex Over The Counter

<strong>Highlits sull’indagine triennale del 2022 sul turnover sul mercato Forex Over The Counter</strong>

Andare a stimare con precisione i volumi su un mercato non regolamentato, come è il forex, è arduo. L’unico organo ufficiale che periodicamente raccoglie in una pubblicazione i dati forniti dalle principali Banche Centrali mondiali è la Banca dei Regolamenti Internazionali; per ulteriori aggiornamenti rimandiamo al sito www.bis.org della Banca dei Regolamenti internazionali che funge da collettore dei dati di 53 Banche Centrali e di oltre 4000 Istituzioni Finanziarie internazionali. La BIS ogni 3 anni “fa una foto” al 22 Aprile sui volumi giornalieri forniti da tutti i soggetti che partecipano all’indagine.

Il turnover nei mercati valutari OTC è stato in media di $ 7,5 trilioni al giorno nell’aprile 2022. La crescita del 14% rispetto all’indagine dell’aprile 2019 (6,6 trilioni di dollari al giorno) è stata la crescita triennale più bassa dal 2004.

Questo nonostante la raccolta dei dati coincidesse con un forte aumento della volatilità dovuta ai cambiamenti delle politiche monetarie delle maggiori banche centrali, all’aumento dei prezzi delle materie prime ed alle tensioni geopolitiche.

Allo stesso tempo, le restrizioni Covid-19 in vigore in diverse giurisdizioni dichiaranti, tra cui Cina e Hong Kong SAR, potrebbe aver contenuto gli scambi e quindi l’aumento dei volumi.

TURNOVER PER STRUMENTO

La crescita del trading di derivati ​​FX, è stata soprattutto concentrata sugli swap FX, che già dal 2019 hanno superato l’attività sul trading spot.

Il turnover degli swap sulle valute ha rappresentato il 51% del turnover globale, in aumento rispetto al 49% del 2019. La quota degli scambi spot è scesa al 28% dal 30% del 2019 e quello dei contratti a termine è rimasta invariato al 15%.

Il Turnover di opzioni sul Forex ha rappresentato il 4% degli scambi e quello degli swap su valute il 2%. Questi ultimi strumenti in genere hanno scadenze più lunghe e quindi hanno un turnover inferiore.

TURNOVER PER VALUTA

Il dollaro USA è rimasto la valuta dominante al mondo. L’88% di tutti gli scambi nell’aprile 2022, invariato rispetto alla rilevazione precedente.

Le successive tre valute più scambiate – l’euro, lo yen giapponese e la sterlina inglese – hanno mantenuto le relative posizioni. L’euro ha continuato a essere la seconda valuta più scambiata al mondo, con un 30,5% di tutti gli scambi nell’aprile 2022 (in leggero calo rispetto al 32% nel 2019). Lo yen giapponese e la sterlina con il 17% e il 13% di tutte le operazioni, rispettivamente, rimangono invariate rispetto al 2019

Il renminbi cinese ha mostrato il più grande aumento della quota di mercato rispetto alla rilevazione del 2019, passando al 7% di tutti gli scambi nel 2022 (rispetto al 4% nel 2019). Di conseguenza, il renminbi è diventato la quinta valuta più scambiata, dall’ottavo posto di tre anni fa.

Alcune valute hanno visto cambiamenti relativamente ampi nella quota di mercato. Mentre il dollaro di Hong Kong è rimasto la nona valuta più scambiata, la sua quota negli scambi globali è diminuita dal 3,5% nel 2019 al 2,6% nel 2022. Al contrario, le quote per il dollaro canadese e il dollaro di Singapore sono aumentate notevolmente.

Di seguito tutti i dettagli offerti dall’indagine triennale del 2022 sul turnover sul mercato Forex Over The Counter


TURNOVER PER DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

Tra le maggiori piazzi finanziarie troviamo Regno Unito, Stati Uniti, Hong Kong SAR, Singapore e Giappone, che annoverano il 78% degli scambi sul mercato valutario.

I numeri negli Stati Uniti ed a Singapore sono cresciuti di più della media globale, rispetto al 2019 gli Stati Uniti sono passati dal 17% al 19% e Singapore dal dall’8% al 9%.

Il Regno Unito è rimasta la maggiore piazza finanziaria con il 38% degli scambi globali, in diminuzione rispetto al 43% del 2019.

Di seguito tutti i dettagli offerti dall’indagine triennale del 2022 sul turnover sul mercato Forex Over The Counter