Come ridurre al minimo il rischio di perdita nel trading

Come ridurre al minimo il rischio di perdita nel trading
rischio di perdita nel trading

Come applicare strategie di gestione del rischio per mitigare i rischi.

Il trading per sua stessa definizione è un’attività rischiosa. Nel momento in cui acquisti un titolo sottostante, le forze di mercato possono influenzare il risultato delle tue operazioni. Se lavorassimo in assenza di rischio, tutti i risultati sarebbero certi al 100%. I mercati valutari, i mercati azionari e i mercati delle materie prime sono soggetti a movimenti di mercato con vari gradi di rischio. Se ti venisse offerta l'opportunità di triplicare i tuoi soldi prestando a qualcuno 100 dollari Australiani,   lo faresti? Molti trader sarebbero tentati e rischierebbero 100 dollari Australiani in attesa di generare un rendimento di 300 dollari australiani.

Forse vale la pena  spiegare cos'è il rischio e come influisce sui risultati della tua attività di trading. In parole semplici, il rischio è semplicemente ciò che è sconosciuto, imprevedibile, imprevisto o incerto. Quando fai trading su strumenti finanziari quotati sull'indice australiano o su altri mercati e / o strumenti, con il tuo broker online preferito, corri il rischio di perdita. La domanda non è quanto hai da perdere, ma piuttosto come mitigare quel rischio attraverso decisioni di trading intelligenti.

Come trader, puoi capire che i mercati salgono  e che i mercati diminuiscono. Questo è un aspetto del rischio di trading. Tuttavia, è del tutto possibile trarre profitto dai mercati in aumento o in calo, a condizione di effettuare le operazioni giuste. Un ottimo modo per proteggersi dalle frustrazioni del rischio di trading è fissare un obiettivo e lavorare per raggiungerlo. Ognuno ha un diverso approccio al il rischio - questo è ciò che ci rende unici come trader. C'è una grande differenza tra essere un puro speculatore sulle azioni che è pronto a rischiare tutto e un individuo che basa le decisioni di trading sui propri meriti.

Ognuno di noi persegue una strategia di crescita. Ognuno può avere strategie di crescita aggressive, strategie di crescita moderata o strategie a bassa crescita. Queste decisioni sono in gran parte determinate da ciò che i singoli operatori considerano un "livello appropriato di rischio" in base alle circostanze individuali. Esistono generalmente due tipi di trader: trader avversi al rischio e trader in cerca di rischio. Questi termini definiscono la tua propensione al rischio. Generalmente, più giovani siamo, più rischi siamo disposti ad assumerci. Man mano che invecchiamo / maturiamo, i tempi di investimento cambiano e tendiamo a diventare avversi al rischio. Che tipo di trader sei? Sei alla ricerca del rischio o avverso al rischio?

Il capitale di rischio non ti soddisfa? registrati su AvaTrade scarica AvaProtect

Quali tipi di rischi ci sono?

Che tu stia negoziando indici, materie prime, forex, azioni o criptovalute, ti imbatterai in una diversa gamma di fattori di rischio. Il rischio è sempre presente nel trading, e sul mercato. I trader che credono di poter controllare il mercato devono fare i conti anche con sorprese sgradite.

Le forze di mercato molto spesso non sono preventivabili, mosse dagli speculatori e dai trader istituzionali; sono le placche tettoniche nella crosta terrestre che inviano onde d'urto attraverso la terra e l'oceano, causando scossoni sulle attività di domanda ed offerta e quindi sui prezzi. I trader di successo adottano l'arte della gestione del rischio. Utilizzando tecniche di gestione del rischio, è possibile mitigare gli effetti di queste tre categorie di rischio.

Esploriamo brevemente ciascuno di questi fattori di rischio e mettiamo insieme una strategia di trading  che funzioni per tutti:

  • Rischi di trading: i tuoi rischi di trading aumentano man mano che fai trading. I rischi di trading includono rischi di esecuzione, rischi di slippage e rischi di gap.
  • Rischi di investimento: questi rischi dipendono dai tuoi punti di ingresso / uscita nell'attività di trading. Se il tuo portafoglio di investimenti è troppo poco diversificato, può  aumentare  o diminuire in base alla performance della tua diversificazione di investimenti. Maggiore è la diversificazione, più equilibrato è il tuo portafoglio. Il rischio di opportunità descrive il costo opportunità di mettere da parte denaro a fini di investimento quando si potrebbero generare flussi di reddito alternativi.
  • Rischi di mercato: i mercati sono soggetti ad alti e bassi. Sono volatili, imprevedibili e intrinsecamente rischiosi. Tre fattori di rischio influiscono sui mercati finanziari, in particolare il rischio di conversione valutaria (basato sui differenziali valutari), il rischio di inflazione (il potere d'acquisto reale del tuo denaro) e il rischio di negoziazione (quanto sono liquidi i tuoi investimenti).

I rischi sul trading: come ridurre al minimo il rischio di perdita

Se il rischio legato al trading non è né conosciuto né quantificabile, allora la pianificazione strategica è il processo attraverso il quale cerchiamo di capire cosa stiamo negozianodo nei mercati. La maggior parte dei guru del trading ti consiglierà di pianificare attentamente le tue operazioni prima di eseguirle. Pianificando il tuo piano di trading , è possibile ridurre al minimo l'impatto del rischio sulla tua attività di trading. Fortunatamente, ci sono diverse regole importanti da rispettare. Queste regole ridurranno la tua esposizione complessiva al rischio.

  • Stop-Loss e Take-Profit - Nessuno vuole perdere denaro su un trade. Ma se  il tuo trade sta perdendo denaro, è importante impostare un punto di stop-loss per vendere lo strumento finanziario prima che un movimento avverso cancelli il tuo intero investimento. Gli stop-loss sono un valido strumento per che servono per limitare le perdite e l’avidità del trader che crede sempre in un possibile rimbalzo dei prezzi anche quando è esposto pesantemente a movimenti contrari del mercato. I take-profit sono ugualmente importanti perché fissano eventuali guadagni. Troppi trader si aspettano che le loro azioni, materie prime, indici e valute continuino a salire all'infinito. Questo è semplicemente un errore. Se il sentiment rialzista è limitato da alcuni fattori come il rallentamento della domanda, le tecnologie alternative, le recessioni economiche eccetera, ha senso prendere profitto prima di un'inversione dei prezzi.
  • La regola dell'1% - Supponiamo che tu abbia un budget di trading di EUR 10.000. Quanto dovresti mettere su ogni singola operazione? Gli esperti consigliano solo l'1% per operazione. Data questa regola, il rischio massimo a cui sarai esposto su ogni singola operazione è di EUR 100. Potresti avere un  budget di trading molto più grande a tua disposizione, per esempioEUR 100.000. In tal caso, potresti voler aumentare leggermente il limite dell'1%. Se decidi il 2%, ogni operazione non sarà superiore a EUR 200 o al 2% del tuo budget di trading.

Adottando le suddette strategie, eviterai completamente il rischio di default. Il rischio di default si riferisce alla probabilità di perdere così tanto del tuo budget di trading che non sarai più in grado di continuare a fare trading. Fortunatamente, è impossibile affrontare il rischio di rovina se ci si attiene alla regola dell'1% e si applicano strategie Stop-Loss  e Take-Profit.

I rischi del trading e Day Trader

Se decidi di operare nel day trading, è importante attenersi alla regola dell'1% sopra descritta. L'obiettivo del day trading è semplicemente quello di effettuare più operazioni  in guadagno di quante in perdita. Se stai avendo il 60% delle tue operazioni in profitto e perdendo il 40% delle tue operazioni, sarai considerato un trader di successo.

Tuttavia è importante valutare anche la dimensione delle tue operazioni. Se il 60% delle tue operazioni vincenti ti fruttano EUR 12.000 e il 40% delle tue operazioni in perdita ti costano EUR 13.500, le percentuali non contano tanto. Ecco perché è importante che vi sia congruenza tra rapporti di vincita e di perdita ma anche di redditività.

La dimensione dell’operazione è fondamentale con l'attività di day trading. In effetti, gli esperti concordano sul fatto che la dimensione della posizione è molto più importante dei punti di ingresso / uscita. Hai bisogno esattamente della giusta quantità di rischio per massimizzare i tuoi guadagni e ridurre al minimo le tue perdite. Alcuni day trader preferiscono allocare una somma di denaro per esempio in EUR per ogni operazione, mentre altri preferiscono una percentuale fissa. Quando si impostano stop-loss e take-profit, questi livelli devono essere attentamente tracciati.

I day trader professionisti determinano la dimensione della posizione attraverso questo esempio:

se sei pronto a a rischiare EUR 0,10 per operazione e hai EUR 200 disponibili per ogni operazione, il numero di azioni nella dimensione della tua posizione è EUR 200 / EUR 0,10 = 2.000 azioni. In questo modo viene ottimizzato il rischio per la tua strategia di trading .

Fai trading con fiducia

Nessuno vuole perdere il capitale investito anche quando si fa trading in maniera istintiva. Quando entri nella tua piattaforma  di trading, limita il tuo importo per operazione all'1% o al 2% al massimo, come sopra descritto. Ciò non elimina il rischio, ma garantisce che ogni componente frazionaria del tuo portafoglio possa solo effettuare al massimo perdite sul tuo portafoglio dell'1% o del 2% del saldo del tuo conto di trading.

Avrai alcune battute d'arresto e perdite in quei primi giorni, tutti lo fanno, ma questa è semplicemente una parte del processo di apprendimento nella transizione verso una carriera come trader nel mercato Forex.‎