Il Mining

Cos’è il Mining

Che cos’è il Mining?

Mining deriva dal termine inglese “to mine” ossia estrarre, ma incentrato sulle criptovalute. Il Bitcoin Mining è riferito, dunque, ad un loro processo di estrazione. Minare Bitcoin non vuol dire creare denaro, i BTC vengono generati in automatico all’interno della rete B2B -termine coniato per definire i rapporti commerciali interaziendali- che gestisce tale moneta, distribuita on line in modo del tutto casuale. Dunque Minare Bitcoin vuole dire ottenere BTC generati dalla rete e distribuiti online.

I BTC vengono estratti dai Minatori, i cosiddetti Miners, all’interno dei Blocchi di transazioni detti “miniere”, potenti centri di calcolo che rendono valide le transazioni generando un nuovo ammontare di BTC che va ad aggiungersi alla base valutativa mondiale.

Unisciti oggi ad AvaTrade ✅ 0% commissioni, il Broker regolamentato in Italia con piu di 10 anni di esperienza! apri un conto demo per fare pratica oppure un conto reale per vendere o acquistare le criptovalute più importanti: BTC, BTG, LTC, XPR, ETH e molte altre!

Introduzione al Mining: l’estrazione di BTC

Ogni blocco di transazione, ossia l’insieme di tutte le transazioni avvenute nell’arco di 10 minuti, è affidato ad un singolo Miner.
Il compito del Minatore è quello di istallare nelle sue macchine il Cryptographic hash software, questo software è in grado di calcolare i dati delle transazioni BTC, alle quali viene aggiunto un valore casuale o pseudo casuale detto Nonce.
L’insieme di questo valore con i dati del blocco delle transazioni, genera una stringa alfanumerica chiamata Hash. Per calcolare il contenuto di una stringa hash il minatore necessita di un grande numero di tentativi e calcoli, dunque un vasto numero di nonce.
Nel processo di calcolo viene aggiunto anche l’hash del blocco precedente che insieme ai dati del blocco di transazioni e al nonce, genera l’hash del blocco attuale.
La caratteristica che rende questo calcolo complesso ma essenziale per essere reputato corretto da sistema Bitcoin, è dovuta dal fatto che l’hash deve incominciare con un numero fisso di zeri. Quando la stringa viene validata, il blocco di transazioni viene reso a sua volta valido.
l’operazione si conclude con “l’estrazione” di BTC da parte del miner e l’aggiornamento del registro Blockchain, libro mastro dei blocchi di transazioni.
L’intero processo permette al sistema BTC di essere estremamente sicuro, poiché i blocchi di transazioni sono legati tra loro attraverso la condivisione dell’hash; questo permette ad un ipotetico malintenzionato di rinunciare all’alterazione delle transazioni in quanto andrebbe a modificare inevitabilmente anche i suo hash.

I diversi metodi d’estrazione: Asic, Cloud Mining e Pool Mining.

Come detto, ogni giorno la rete crea un certo numero di BTC e li distribuisce random online.
Per aumentare la probabilità di riceverli, si ha bisogno di un apparato tecnico molto più potente di un computer casalingo, con una potenza di calcolo maggiore.
Maggiore è la potenza di calcolo maggiore sarà la probabilità di estrarre e ricevere BTC.
Questo Hardware è chiamato ASIC -Applicatio-Specific Integrated Circuit-, dei microchip che permettono di potenziare il mining dei BTC.
Le prime farm Asic sono nate in Cina e Singapore nel 2013 con una forte concentrazione nelle centrali idroelettriche e posti con una temperatura adeguata per ridurre il surriscaldamento dei sistemi.
Col passare del tempo sono state acquistate molte di queste macchine facendo crescere la difficoltà dell’algoritmo; nasce così il Pool mining. La pool consiste in un gruppo di miners, ognuno dei quali cede una parte delle risorse del proprio Hardware al fine di risolvere gli algoritmi e guadagnare BTC. Qualora i miners ottenessero BTC, questi verranno divisi in base alla potenza di trasmissione che i componenti della pool hanno ceduto per l’estrazione.
Un’altra possibilità d’investimento in BTC è possibile con l’acquisto effettivo delle componenti Software ed Hardware che facilitano l’estrazione di BTC dalla rete, tenendo in mente sempre la formula: maggior potenza di calcolo = maggior probabilità d’estrazione.
Ora, per chiunque volesse cimentarsi in maniera autonoma nel mining deve tener conto di una serie di punti:

  • Esistono in rete diversi software online che posso essere scaricati gratuitamente con i quali è possibili minare i BTC. Questi, come ad esempio il GUIminer, hanno bisogno di una massiccia potenza di calcolo.
  • Acquistare il Miner (apparato che permette di aumentare la potenza di calcolo).
  • Una volta acquistato il miner e scaricato il software, bisogna installarli
  • Configurare il software (in questo caso GUIminer
  • Una volta configurato connetterlo alla rete, e lasciarlo lavorare.

Inoltre è possibile investire on line senza il possesso fisico dell’ Hardware attraverso il Cloud mining (noleggio online); questo permette di risparmiare sui costi di manutenzione e di consumo elettrico. La scelta del contratto varia in base al tipo di investimento sia esso a breve o a lungo termine.
HAI CAPITO IL MINING? GenesisMining ti da la possibilità di affittare dei server che fanno mining delle criptovalute a tua scelta, anche se trading criptovalute potrebbe rivelarsi più semplice e remunerativo.

Come avrai intuito il processo d’estrazioni delle criptovalute non e alla portata di tutti, tuttavia il trading di criptovalute può portare guadagni più immediati, semplici da gestire!

La differenza tra Investimento e il Trading.

Fare Trading sul Bitcoin: Con AvaTrade è possibile.
L’investimento e il trading criptovalute sono due modi possibili per trarre profitto, e dunque generare utili, nel mercato finanziario del Forex. Per un Trader alle prime armi è utile conoscere la differenza di entrambi all’interno del mondo finanziario:
Ora, lo scopo di un investitore è quello di accrescere in maniera graduale il proprio patrimonio attraverso il possesso o l’acquisto di strumenti di investimento come ad esempio un portafoglio di azioni. Gli investimenti hanno un’ orizzonte temporale molto vasto, questo permette agli investitori di interessarsi al valore a lungo termine non preoccupandosi delle oscillazioni giornaliere del mercato; qualora ci fosse una perdita di valore, questi trattengono il proprio investimento nell’attesa dell’aumento dei prezzi.
Il possesso fisico degli investitori sugli strumenti acquistati -come i diritti di voto sui titoli e la divisione di profitti- è l’elemento differenziale nel fare Trading Online.
Il Trading permette una compravendita maggiore degli strumenti finanziari al fine di offrire una prestazione superiore delle aspettative fatte su investimenti d’acquisto e titoli ottenuti. Quindi le variazioni di prezzo sono oggetto di speculazione da parte del Trader.
Ciò che differenzia il Trading da un investimento, è un’operazione finanziaria chiamata vendita allo scoperto (in inglese Short selling) che usata con criterio e parsimonia può risultare molto vantaggiosa.
Quest’operazione permette la vendita delle azioni senza averne il possesso con la speranza di ricomprarle più tardi nel momento in cui dovranno essere consegnate al compratore ad un prezzo inferiore, realizzandone così un profitto.
La posizione aperta di un trader dipende dalle sue necessità ed obiettivi non meno dal suo profilo di rischio; dunque può durare anni come minuti.
Per questo AvaTrade conta da oltre 10 anni un’esperienza nel settore finanziario e web-commerce, atta a finalizzare l’esperienza online dei trader secondo i loro profili ed esigenze. Per tanto è importante definirne alcuni punti per chiunque volesse intraprendere operazioni di Trading sul Bitcoin.
Il BTC, come detto, è una moneta sulla quale non sussiste la gestione di autorità centrali. Non vi è controllo di valore e traffico ma è la rete che effettua la sua emissione on line; questo permette l’utilizzo di BTC, per effettuare pagamenti tra persone tramite web senza la presenza di istituzioni finanziarie.