Cos’è la Blockchain

blockchain

Che cos’è la Blockchain?

Com’è intuibile dal nome, la Blockchain indica una catena di blocchi contenenti informazioni. Questa tecnica venne originariamente pensata da un gruppo di ricercatori con l’obiettivo di marcare i documenti digitali evitandone così la loro retrodata o eventuali modifiche. Tuttavia dal 1991 fino al 2009 questa tecnica è rimasta pressoché inutilizzata, fino a quando non venne impegnata da Satoshi Nakamoto per creare la criptovaluta Bitcoin.

 

 

Questo è il motivo per il quale si riconosce il merito BTC nel aver reso la tecnica Blockchain una vera e propria innovazione tecnologica tanto intuitiva quanto complessa. Dunque è possibile definire Blockchain come un’infrastruttura sulla quale sono basate le transazioni delle crittovalute, che attraverso il suo funzionamento rende queste sicure ed affidabili. Inoltre attraverso il sistema Criptografico, utilizzato dalla Blockchain, s’impedisce la falsificazione e l’eventuale duplicazione di Bitcoin. Ogni singolo
blocco è concatenato a quello successivo e precedente che attraverso chiavi criptografiche rende impossibile la modifica dei singoli blocchi e di conseguenza viene resa più sicura “la catena” da cui sono connessi.

Per un giusto approccio alla comprensione della tecnica BC, è importante identificarne tre componenti essenziali:

 

  • S’intende per Nodo, tutti i partecipanti alla Blockchain fisicamente costituiti dai singoli server.
  • La transazione è costituita attraverso i dati rappresentanti i valori oggetto di scambio. I dati devono essere verificati, approvati ed archiviati.
  • Il Blocco è l’insieme di transazioni che vengono unite per essere verificate, approvate ed infine archiviate dai partecipanti alla Blockchain.

Distributed Ledger Technology: per un corretto e sicuro funzionamento Blockchain.

Il processo Blockchain verte su alcuni concetti chiave necessari per la comprensione di questa tecnologia e dei suoi ambiti di utilizzo: DLT è l’acronimo di Distributed Ledger Technology anche dette “Shared Ledger”. Il Ledger è identificabile come “Libro Mastro” della contabilità. Le DLT si occupano dunque di salvare i dati nel registro che successivamente viene distribuito a tutti partecipanti appartenenti allo stesso Network. Si passa dunque da un processo centralizzato ad uno distribuito Peer to Peer, dove i componenti della Blockchain sono in possesso ognuno della stessa copia dei dati.

Questo metodo, come vedremo nei punti successivi, è stato ideato per ridurre eventuali modifiche dei dati e limitare l’eventuale manomissione al Database. Inoltre esistono due tipologie di reti DLT:

 

  • Unpermissioned- le Reti Pubbliche garantiscono ai partecipanti una totale trasparenza dei dati e dei loro trasferimenti, presenti sulla rete. L’esempio più vicino per questa tipologia di rete è la Blockchain Bitcoin; l’obiettivo principale della rete è permettere a tutti i partecipanti di contribuire all’aggiornamento e all’archiviazione dei dati sul Libro Mastro una volta ottenuto il consenso dell’intero nodo BC.

 

  • Permissioned- le Reti Private a differenza delle Pubbliche, sono controllate e dunque posso avere una proprietà. I partecipanti, in questo caso, hanno diversi livelli di visibilità e accesso ai dati presenti sulla rete. Nelle reti private il consenso, così come la modifica e l’archiviazione dei dati, è attribuito ad un numero limitato di partecipanti alla stessa BC definiti come Trusted.

 

 

 

Il Sistema Criptografico BC

Come anticipato il sistema Criptografico ha un valore di primaria importanza tanto nella sicurezza Blockchain quanto nelle transazioni dati al suo interno.

La BC utilizza principalmente due tipi di tecniche criptografiche:

 

  • La Firma Digitale- La firma digitale utilizza un sistema a chiave pubblica per codificare e certificare i messaggi inviati. Ogni singolo partecipante alla “catena” è impossesso di due chiavi virtuali, una pubblica ed una privata. La chiave privata (personale e segreta del singolo utente) cripta il messaggio, mentre quella pubblica lo decripta, rendendolo leggibile. In altre parole la chiave pubblica, rappresenta l’identificazione del partecipante alla rete, mentre quella privata gli permette di accedere al proprio Wallet Bitcoin.

 

  • L’hash- è un codificatore fondamentale per la corretta funzione e sicurezza BC, che codifica, appunto, qualsiasi dato in input in una stringa alfanumerica. inoltre l’affidabilità della Firma Digitale è strettamente connessa al suo funzionamento.

 

L’affidabilità Blockchain: Il Sistema Peer to Peer e La Marca Temporale.

Il consenso esprime la volontà dei partecipanti della stessa rete BC, ad esprimere il loro giudizio, favorevole o meno, sulle decisioni in merito all’archiviazione dei dati nel Ledger. Dunque il consenso definisce una conoscenza comune dei processi tra i partecipanti attraverso una rete Blockchain Peer to Peer. Essendo definito come meccanismo automatico esso gode di diversi algoritmi di consenso tra i più importanti:

Proof of Work– maggiormente utilizzato per l’estrazione Bitcoin, i Miners raccolgono le nuove transazioni in un blocco. Il Miner con una potenza di calcolo maggiore, e dunque più veloce a decriptare una determinata stringa di caratteri, è autorizzato ad aggiungere il blocco alla catena; aggiudicandosi così anche una ricompensa in BTC. Una volta aggiunto il blocco alla catena, il sistema invia automaticamente ai partecipanti una copia delle operazioni fatte all’interno del registro condiviso. Vedi articolo sul Cos’è il Mining
Dunque i blocchi, oltre ad utilizzare i dati attraverso una catena condivisa, contengono al loro interno dei parametri per la loro sicurezza. La Marca Temporale -Timestamp-, ad esempio, impedisce l’eventuale modifica sull’ operazione una volta eseguita ed archiviata. La Marca Temporale è costituita da una sequenza specifica di caratteri che attraverso l’unione di una certa data ed ora, ne stabilisce l’evento e il suo accadimento. Questo processo è distribuito, ciò vuol dire che non è gestito da un ente centrale, bensì l’operazione è validata dai singoli nodi della rete BC.

Perché investire con Avatrade

La professionalità e la sicurezza sono i pilastri su cui è fondata l’etica di Avatrade, con i quali accompagna i suoi clienti da più di 10 anni nel settore Trading Online. Attraverso specialisti E-commerce messi a disposizione per il Trader, è possibile ricevere informazioni e consigli per implementare il potenziale dei propri investimenti ed investire nel forex sulle criptovalute. L’apertura di un conto Demo è l’ideale per iniziare a fare trading sulle criptovalute. Sapevi che nell’agosto 2017 il Bitcoin ha raggiunto una capitalizzazione di mercato di oltre 73.4 miliardi di dollari? Inoltre la piattaforma AvaTrade, offre l’opportunità di vendita e acquisto sulle operazioni relative ai Bitcoin, questo permette al Trader di utilizzare la sua strategia Trading in maniera indipendente dalla direzione della valuta.