Politica Fiscale ed Economica di un Paese

Politica Fiscale ed Economica di un Paese

What is economic policy

L’economia è il motore che guida la crescita di un paese verso un futuro prospero. Un’economia nazionale forte migliora le condizioni di vita dei cittadini e crea un ambiente in cui le opportunità di produrre e prosperare sono abbondanti. Il senso di sicurezza economica dà alle persone la fiducia necessaria per realizzare il proprio potenziale, il che, a sua volta, si traduce in contributi all’economia nazionale e aumento della prosperità collettiva.

Il carburante di questo motore è il denaro. In qualità di principale organo amministrativo di un paese, il governo è responsabile di coltivare l’economia e prendere decisione su come gestire le operazioni economiche legate ad esso. Le decisioni conomiche includono la gestione delle entrate nazionali, della spesa nazionale e degli investimenti pubblici, nonché l’agevolazione e la regolamentazione dell’occupazione, delle imprese, dei finanziamenti e degli investimenti nei mercati privati.

Cos’è la politica economica di un paese?

La politica economica è il piano di un governo su come condurre le operazioni economiche in conformità con le richieste delle attuali condizioni economiche nazionali e globali. Delinea i parametri e i fattori da considerare quando è necessario prendere decisioni in merito a tassazione, spesa, budget, offerta di moneta e tassi di interesse. Queste operazioni economiche si dividono in due categorie principali:

  • Politica fiscale: tassazione, spesa e budget
  • Politica monetaria : offerta di moneta e tassi di interesse

Insieme.

Le politiche fiscali e monetarie aiutano il governo a monitorare e adattare l’economia  all’offerta di moneta della nazione. La politica fiscale è gestita dai dipartimenti governativi competenti, mentre la politica monetaria è gestita dalla banca centrale del paese. Gli strumenti che hanno a disposizione per raggiungere gli obiettivi economici nazionali sono tassi di inflazione ottimali (2-3%), crescita del prodotto interno lordo (PIL) (2-3%) e disoccupazione (4-5%).

Cos’è la politica fiscale di un paese?

La politica fiscale delinea come un governo genera entrate riscuotendo le tasse, investe le stesse in spese e servizi di pubblica utilità, e crea un bilancio realizzando proiezioni di entrate e uscite. Si basa sulla teoria economica keynesiana che suggerisce che la produttività macroeconomica di un paese può essere influenzata dalle decisioni del suo governo in materia di tassazione e spesa. I governi raggiungono obiettivi macroeconomici attraverso tasse , spese e budget:

  • Tasse : le principali fonti di reddito della spesa pubblica. Sono applicati a una vasta gamma di articoli come prodotti di consumo, stipendi dei dipendenti, alloggi e attività commerciali.
  • Spesa : come il reddito generato dalle tasse viene utilizzato dal governo per creare sussidi, programmi di welfare e progetti pubblici.
  • Budgeting : piano di distribuzione delle attività di spesa e fondi del governo, per lo più fissati a programmi di welfare nazionali come la sicurezza sociale e l’assistenza sanitaria.

Tipi di politiche fiscali

  • Politica fiscale espansiva: adottata per stimolare la crescita economica aumentando la spesa e riducendo le tasse.
  • Politica fiscale contrattuale: adottata per rallentare la crescita economica diminuendo la spesa e aumentando le tasse.
  • Politica fiscale discrezionale: adottata quando il governo decide di adottare una politica fiscale espansiva o restrittiva che non faceva parte della principale politica fiscale.
  • Politica fiscale neutra: adottata quando l’economia non si espande né si contrae e il deficit di bilancio causato dalla spesa regolare viene mantenuto nel tempo.

In che modo la politica fiscale influisce sull’economia?

Quando l’economia è stagnante, il governo può diminuire le tasse e aumentare la spesa per stimolare l’economia. La riduzione delle tasse consente alle persone di consumare di più, mentre l’aumento della spesa da parte del governo, aumenta a sua volta la domanda di prodotti e servizi nei settori interessati. Come risultato le aziende godono di profitti netti più elevati, che possono utilizzare per aumentare la produzione, impiegare più lavoratori e investire nell’espansione delle loro attività.

Tuttavia, una volta che l’economia è di nuovo in funzione, mantenere tasse basse e spese elevate può portare a un’inflazione estrema. L’aumento della domanda dei consumatori aumenterebbe i prezzi di beni e servizi, mentre l’eccessiva circolazione del denaro ridurrebbe il valore della valuta. Pertanto, il governo può decidere di aumentare le tasse e diminuire la spesa per rallentare la crescita e gestire l’inflazione.

Inoltre, le tasse e la spesa possono essere utilizzate per controllare la domanda e la crescita in aree specifiche dell’economia. Ad esempio, il governo può concentrare la spesa su un settore in difficoltà acquistando debiti e avviando progetti per stimolare la domanda. Inoltre, possono ridurre le tasse sulle società per consentire alle aziende di mantenere i loro livelli di occupazione e produzione.

Cos’è la politica monetaria?

La politica monetaria è creata dalla banca centrale di un paese come guida per governare il valore della valuta nazionale. La banca centrale controlla la domanda e l’offerta allo scopo di raggiungere obiettivi macroeconomici insieme alla politica fiscale e mantenere i tassi di cambio rispetto alle valute estere. Manipola l’offerta di moneta mediante modifiche dei tassi di interesse , operazioni di mercato aperto per acquistare e vendere debiti e obblighi di riserva per regolamentare le banche.

  • Tasso di interesse: la percentuale di commissione di base quando si concede prestiti alle altre banche; stabilisce il costo di acquisto della valuta nazionale come prodotto e determina il tasso di interesse minimo che le banche addebitano / assegnano ai propri clienti.
  • Operazioni di mercato aperto: programmi di transazione del debito con altre banche; può consistere nel quantitative easing , iniettando denaro nell’economia stampandolo e acquistando debiti, o  quantitative restringimento, rimuovendo denaro dall’economia vendendo debiti e risparmiando denaro.
  • Requisiti di riserva: il numero di fondi che le banche sono tenute a trattenere per garantire che i clienti facciano fronte alle proprie passività; influenza la quantità di capitale che le banche possono utilizzare per offrire prestiti o acquistare attività.
  • Annunci pubblici: le conferenze stampa condotte dalle banche centrali influenzano anche la domanda e l’offerta in quanto intendono gestire la percezione degli investitori; consente alla banca di controllare la domanda e l’offerta senza apportare modifiche politiche effettive.

Tipi di politiche monetarie

  • Politica monetaria espansiva: adottata per stimolare la crescita economica migliorando l’offerta di moneta attraverso tagli dei tassi di interesse, riduzioni quantitative o requisiti di riserva inferiori.
  • Politica monetaria contrattuale: adottata per rallentare la crescita economica riducendo l’offerta di moneta attraverso aumenti dei tassi di interesse, inasprimento quantitativo o requisiti di riserva più elevati.
  • Politica monetaria non convenzionale: adottata durante le crisi economiche per controllare il caos utilizzando tassi di interesse, operazioni di mercato aperto e requisiti di riserva allo stesso tempo.

In che modo la politica monetaria influisce sull’economia?

Quando la banca centrale mira a stimolare la crescita economica, può aumentare l’offerta e la circolazione di moneta adottando una politica monetaria espansiva. L’aumento dell’offerta di moneta fa perdere valore alla valuta man mano che diventa più accessibile.

Un taglio dei tassi di interesse consentirebbe alle imprese e ai privati ​​di prestare a condizioni più convenienti e di continuare a spendere. Inoltre, renderebbe meno redditizio il rendimento degli investimenti in interessi e incoraggerebbe gli investitori a indirizzare i propri capitali di risparmio nell’attività economica. Un programma di quantitative easing (QE) inietterebbe liquidità nell’economia stampando nuova moneta per acquistare debiti da altre banche e fornire loro più capitale da prestare ai propri clienti. Inoltre, l’ abbassamento degli obblighi di riserva delle banche consentirebbe loro di utilizzare una parte maggiore del loro capitale riservato per concedere prestiti o acquistare attività / debiti.

Tuttavia, se l’economia si è espansa eccessivamente, la banca centrale potrebbe mirare a rallentare la crescita adottando una politica monetaria restrittiva per diminuire l’offerta di moneta. Di conseguenza, la valuta diventerebbe meno accessibile e guadagnerebbe valore.

Aumentare i tassi di interesse renderebbe i prestiti più costosi e scoraggerebbe le imprese e i privati ​​a prenderli. Gli investitori sarebbero attratti a impegnare il proprio capitale circolante in investimenti in interessi. Il Quantitative Tightening (QT) può rimuovere ulteriormente i contanti dall’economia vendendo debiti ad altre banche e risparmiando il denaro raccolto. La banca centrale può anche aumentare i requisiti di riserva delle banche, il che farebbe loro avere meno capitale da prestare e agirebbe in modo più selettivo nella scelta di chi prestare.

Politica fiscale vs politica monetaria

La politica fiscale e la politica monetaria sono strumenti economici per aiutare un paese a raggiungere i suoi obiettivi macroeconomici. Le politiche fiscali sono gestite dai dipartimenti governativi e mirano a migliorare la produzione economica del Paese, mentre le politiche monetarie sono gestite dalla banca centrale e mirano a tenere sotto controllo i livelli di inflazione.

La politica monetaria ha effetti relativamente più rapidi e duraturi rispetto alla politica fiscale. Ciò è in parte dovuto al fatto che la banca centrale semiautonoma si riunisce più frequentemente per prendere decisioni sui tassi di interesse e può agire indipendentemente dal governo.

Entrambe le politiche sono influenzate dagli orientamenti politici e dalle prospettive sociali del governo. Tuttavia, se entrambe le politiche sono sotto il controllo di un unico organo decisionale, una politica potrebbe dominare e / o essere più efficace dell’altra.

Possono essere usati insieme per bilanciare le condizioni economiche. Le decisioni di politica fiscale espansiva possono essere bilanciate attraverso decisioni di politica monetaria restrittiva e viceversa. Tuttavia, il loro effetto interattivo sull’economia sarebbe basato sulla misura in cui condividono gli stessi obiettivi. Se sono completamente indipendenti l’uno dall’altro, non è possibile suggerire alcuna interazione.

Politiche fiscali e monetarie attive e passive

  • Politica fiscale attiva: le tasse e i livelli di spesa vengono modificati in base alle prospettive politiche dei responsabili politici
  • Politica fiscale passiva: le tasse e i livelli di spesa vengono mantenuti o modificati in base alle naturali richieste di bilancio
  • Politica monetaria attiva: le decisioni sui tassi di interesse mirano a raggiungere l’obiettivo di inflazione, indipendentemente dalla politica fiscale
  • Politica monetaria passiva: le decisioni sui tassi di interesse mirano a bilanciare le politiche fiscali, indipendentemente dall’obiettivo di inflazione

Shock dell’offerta

Lo shock dell’offerta si verifica quando il tasso di offerta di merci o di una merce aumenta o diminuisce improvvisamente e drasticamente.

  • Shock negative dell’offerta : diminuzione della produzione e aumento dei prezzi (offerta insufficiente)
  • Shock di offerta positivi: aumento della produzione e diminuzione dei prezzi (eccesso di offerta)

In entrambi i tipi di shock dell’offerta, l’ordine economico deve essere ripristinato portando produzione e prezzi a livelli regolari. I responsabili delle politiche fiscali e monetarie possono coordinare e adottare tipi di politiche opposti per raggiungere l’equilibrio.

Ad esempio, durante uno shock negativo dell’offerta, il governo può adottare una politica fiscale espansiva aumentando la spesa per stimolare la produzione, mentre la banca centrale adotta una politica monetaria restrittiva tagliando il tasso di interesse per aumentare l’offerta di moneta e ridurre i prezzi.

Shock della domanda

Lo shock della domanda si riferisce alle situazioni in cui la domanda di un bene o di una merce aumenta o diminuisce improvvisamente e drasticamente.

  • Shock negativo della domanda: diminuzione della domanda e prezzi in calo
  • Shock positivo della domanda: aumento della domanda e aumento dei prezzi

Gli shock della domanda di solito si verificano a causa di fattori esterni, come tagli alle tasse o crisi naturali come pandemie o guerre, che non sono direttamente correlate al settore. Se la domanda non può essere bilanciata rapidamente dall’offerta, può portare a inflazione o deflazione.

Quando si verifica uno shock negativo della domanda, si dovrebbe adottare politiche fiscali e monetarie opposte; il governo aumenterebbe la spesa per creare domanda e la banca centrale aumenterebbe il tasso di interesse per aumentare i prezzi. In tempi di shock positivo della domanda, il governo potrebbe aumentare le tasse per ridurre la domanda e la banca centrale potrebbe aumentare l’offerta di moneta acquistando debiti per ridurre i prezzi.

Vedi un’opportunità di trading? Apri un account adesso!